Passa ai contenuti principali

Il viale degradato della speranza, mi e ci scrive il padre di Nicholas Green



L'indifferenza nuove gravemente alla dignità.
L'indifferenza nuoce gravemente alla civiltà.
Ho cercato di rompere il muro dell'indifferenza con un piccolo ma incisivo scritto, quando percorrendo, durante la mia breve permanenza in Calabria, le strade di Vibo Valentia prima di giungere al Castello Normanno Svevo, avevo deciso di andare a salutare l'albero ed il viale della speranza, dedicato a Nicholas Green e Salvatore Riga.
Le condizioni di quel viale , per l'ennesima volta, mi hanno procurato viva indignazione, perché si possono scrivere le più belle parole, si possono collocare le più belle pietre, realizzare i più poetici viali, ma se la speranza ed il senso di rispetto non vengono coltivati, curati, amati, giorno dopo giorno, la retorica sarà solo un male ed una parvenza di cui non abbiamo bisogno.
Non abbiamo bisogno di apparenza.
Ho scritto un breve intervento dal titolo chiaro ed esemplificativo, pubblicato per reset italia, Vibo: Quel Viale della speranza dedicato a Salvatore Riga e in degradoE lì evidenziavo che il viale della speranza continua ancora oggi a presentarsi come un viale dell'immondizia, si scarica di tutto e di più, da pneumatici a frigoriferi a televisori a semplice spazzatura. Il piccolo recinto che circonda la pietra e l'ulivo, è invece circondato a sua volta da erbaccia ed ovviamente da qualche rifiuto.
Quell'intervento non è passato inosservato.
E mi scrive il padre di Nicholas Green il cui testo viene tradotto, per l'occasione, da Andrea Scarabelli.  
Parole forti, cariche di emozione ma anche di speranza.
"Gentile Sig. Barone, mi è molto dispiaciuto sapere tramite il suo articolo che il monumento a mio figlio Nicholas e a Salvatore Riga è talmente trascurato da farglielo definire come "un viale dell'immondizia". Nicholas aveva solo sette anni ed era in vacanza con la sua famiglia dagli Stati Uniti quando fu ucciso sull'autostrada nei pressi di Vibo, e i suoi organi donati salvarono la vita di cinque italiani e ridiedero la vista ad altri due tramite le sue cornee. Il Sig. Riga, che aveva 23 anni, fu travolto da un treno mentre cercava di salvare uno sconosciuto. La città di Vibo fu generosa nel costruire questo memoriale in quel bellissimo luogo, ma l'incuria si fa beffe della targa lì posta che chiede ai visitatori di non dimenticare un insegnamento di civiltà e amore. La ringrazio per aver reso pubblica questa situazione di degrado. Forse incoraggerà qualcuno a ripulire l'area. Cordiali Saluti, Reg Green".
P.S: Ho allegato una foto di Nicholas che fu scattata pochi giorni prima di essere ucciso."( la foto è quella ora pubblicata)

Ogni altro mio commento è superfluo. Che la comunità vibonese e calabrese colga questo messaggio, le emozionanti ed intense parole del padre di Nicholas, per Nicholas e Salvatore e per quella dignità che deve essere difesa in ogni giorno della nostra vita e che non si ripeta più, e che non accada più di vedere quel viale in condizioni semplicemente vergognose ed irrispettose verso chi ha sofferto immenso dolore ma anche reagito per salvare la vita ad altre vite umane.
Concludo con questo ulteriore messaggio rivolto ai calabresi da parte del padre di Nicholas : "Abbiamo sempre provato gratitudine per la gente della Calabria per il modo in cui hanno fatto tutto il possibile per confortare mia moglie Maggie, nostra figlia Eleanor che allora aveva quattro anni, e me quando Nicholas fu ucciso. Non abbiamo mai pensato che sia stata la Calabria ad uccidere Nicholas. Sarebbe potuto accadere ovunque. Sappiamo che le persone che vennero ad incontrarci o che ci scrissero in quei terribili giorni avrebbero fatto tutto quanto era in loro potere per proteggere nostro figlio. Non pensiamo che la trascuratezza del monumento rappresenti i loro sentimenti. Invece crediamo che il piccolo Nicholas viva nei cuori calorosi dei Calabresi di ogni genere ed età."


Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …