Passa ai contenuti principali

Il viale degradato della speranza, mi e ci scrive il padre di Nicholas Green



L'indifferenza nuove gravemente alla dignità.
L'indifferenza nuoce gravemente alla civiltà.
Ho cercato di rompere il muro dell'indifferenza con un piccolo ma incisivo scritto, quando percorrendo, durante la mia breve permanenza in Calabria, le strade di Vibo Valentia prima di giungere al Castello Normanno Svevo, avevo deciso di andare a salutare l'albero ed il viale della speranza, dedicato a Nicholas Green e Salvatore Riga.
Le condizioni di quel viale , per l'ennesima volta, mi hanno procurato viva indignazione, perché si possono scrivere le più belle parole, si possono collocare le più belle pietre, realizzare i più poetici viali, ma se la speranza ed il senso di rispetto non vengono coltivati, curati, amati, giorno dopo giorno, la retorica sarà solo un male ed una parvenza di cui non abbiamo bisogno.
Non abbiamo bisogno di apparenza.
Ho scritto un breve intervento dal titolo chiaro ed esemplificativo, pubblicato per reset italia, Vibo: Quel Viale della speranza dedicato a Salvatore Riga e in degradoE lì evidenziavo che il viale della speranza continua ancora oggi a presentarsi come un viale dell'immondizia, si scarica di tutto e di più, da pneumatici a frigoriferi a televisori a semplice spazzatura. Il piccolo recinto che circonda la pietra e l'ulivo, è invece circondato a sua volta da erbaccia ed ovviamente da qualche rifiuto.
Quell'intervento non è passato inosservato.
E mi scrive il padre di Nicholas Green il cui testo viene tradotto, per l'occasione, da Andrea Scarabelli.  
Parole forti, cariche di emozione ma anche di speranza.
"Gentile Sig. Barone, mi è molto dispiaciuto sapere tramite il suo articolo che il monumento a mio figlio Nicholas e a Salvatore Riga è talmente trascurato da farglielo definire come "un viale dell'immondizia". Nicholas aveva solo sette anni ed era in vacanza con la sua famiglia dagli Stati Uniti quando fu ucciso sull'autostrada nei pressi di Vibo, e i suoi organi donati salvarono la vita di cinque italiani e ridiedero la vista ad altri due tramite le sue cornee. Il Sig. Riga, che aveva 23 anni, fu travolto da un treno mentre cercava di salvare uno sconosciuto. La città di Vibo fu generosa nel costruire questo memoriale in quel bellissimo luogo, ma l'incuria si fa beffe della targa lì posta che chiede ai visitatori di non dimenticare un insegnamento di civiltà e amore. La ringrazio per aver reso pubblica questa situazione di degrado. Forse incoraggerà qualcuno a ripulire l'area. Cordiali Saluti, Reg Green".
P.S: Ho allegato una foto di Nicholas che fu scattata pochi giorni prima di essere ucciso."( la foto è quella ora pubblicata)

Ogni altro mio commento è superfluo. Che la comunità vibonese e calabrese colga questo messaggio, le emozionanti ed intense parole del padre di Nicholas, per Nicholas e Salvatore e per quella dignità che deve essere difesa in ogni giorno della nostra vita e che non si ripeta più, e che non accada più di vedere quel viale in condizioni semplicemente vergognose ed irrispettose verso chi ha sofferto immenso dolore ma anche reagito per salvare la vita ad altre vite umane.
Concludo con questo ulteriore messaggio rivolto ai calabresi da parte del padre di Nicholas : "Abbiamo sempre provato gratitudine per la gente della Calabria per il modo in cui hanno fatto tutto il possibile per confortare mia moglie Maggie, nostra figlia Eleanor che allora aveva quattro anni, e me quando Nicholas fu ucciso. Non abbiamo mai pensato che sia stata la Calabria ad uccidere Nicholas. Sarebbe potuto accadere ovunque. Sappiamo che le persone che vennero ad incontrarci o che ci scrissero in quei terribili giorni avrebbero fatto tutto quanto era in loro potere per proteggere nostro figlio. Non pensiamo che la trascuratezza del monumento rappresenti i loro sentimenti. Invece crediamo che il piccolo Nicholas viva nei cuori calorosi dei Calabresi di ogni genere ed età."


Commenti

Post popolari in questo blog

Dal "daspo urbano per chi offende il giorno del ricordo"al concetto di slavo che offende la Trieste italiana. Ma Saranno gli "slavi" a salvare Gorizia e Trieste

E' un mondo difficile diceva una nota canzoncina che per diverso tempo veniva trasmessa dalle nostre radio. Un mondo difficile, che è letteralmente virato verso forme di chiusura e rigidità a causa di una globalizzazione letteralmente selvaggia.

Diversi media hanno avuto un ruolo nefasto in tutto ciò, dal momento in cui per anni hanno favorito, sotto il nome di una fantomatica democrazia, l'affermazione di concetti indegni, di quel veleno sociale, di quelle narrazioni nocive per la convivenza civile e pacifica, che hanno riabilitato le peggiori istanze e rinforzato a dismisura quei "quattro provoloni"di neofascisti, mentre "quattro provoloni" non sono più indistintamente i razzisti. Tra i fatti di Macerata, come poi ripetutesi vicino ad Enna, e quanto accaduto nel Confine Orientale in soli 25 anni di occupazione italiana subito dopo la fine della prima guerra mondiale vi è stato un solo filo di continuità. Qui il fascismo si è realizzato prima che altrove,…

Altro che "buonascuola" in Italia siamo degli analfabeti rispetto all'Europa, il rapporto ISTAT sullo stato dell'istruzione in Italia

L'ISTAT ha pubblicato un corposo rapporto incentrato sulla questione della conoscenza.  Ed emerge una fotografia del Paese devastante. Da un lato hai la propaganda di chi racconta un Paese che esiste solo nella sua mente che mente, a partire da chi difende la peggior legge mai scritta in Italia in materia di legislazione scolastica quale la "buonascuola" bocciata da quasi l'intera comunità scolastica con uno sciopero epocale nel maggio 2015. Dall'altro hai la realtà che ti narra un Paese in estrema difficoltà e povertà e diffusa ignoranza. L'Istat rileva chiaramente che "in Italia la recessione, anche per i vincoli di finanza pubblica dovuti al debito, è stata più profonda rispetto a tutte le altre economie europee, riportando il potere d’acquisto delle famiglie nel 2012 indietro fino ai livelli degli anni Novanta."
E ciò sotto gli occhi di tutti.  A livello di conoscenza afferma che "L’Italia è un’economia industriale ad alto reddito ma ano…

Iera una volta...il mercato di Ronchi

Iera una volta il mercato di Ronchi. Questa è oramai una constatazione di fatto che vivi nei mercoledì ronchesi, giorno per eccellenza del mercato. I mercati sono sopravvissuti ai secoli, alle guerre, al progresso, all'avvento dei grandi centri commerciali che hanno risucchiato nel buco nero della depressione economica i piccoli commercianti, con città sempre più svuotate con il paradosso che vedrai le città finte, create ad hoc per il commercio, essere strapiene.

I mercati resistono, ma faticano a sopravvivere soprattutto quando arriva l'ultimo mercoledì del mese, quando i soldi son già finiti e per le strade del mercato vedrai sempre meno gente.

Un mercato che ha una sua storia importante, noto soprattutto per la sua energia, vitalità, socialità, che paga probabilmente il prezzo di diverse problematicità, da quelle logistiche alla crisi sociale ed economica che si è scagliata su questo Territorio che pur avendo potenzialità enormi per alzare la testa, in questo momento sto…