Passa ai contenuti principali

FVG: Ater basta con le nomine politiche


La Regione FVG ha recentemente espresso parere favorevole a maggioranza alle proposte di nomina dei cinque amministratori unici delle Ater: Luciano Aita per Udine, Angela Caldarera per Gorizia, Massimo Mentil per l'Alto Friuli, Monica Pase per Pordenone e Raffaele Leo per Trieste.
La Legge regionale n. 24 del 27/08/1999 è quella che disciplina e norma il regime vigente per gli Istituti autonomi per le case popolari di Trieste, Gorizia, Udine, Pordenone e Alto Friuli, ex IACP, ora Aziende territoriali per l'edilizia residenziale, denominate ATER. Le ATER sono enti pubblici economici aventi personalita' giuridica, autonomia imprenditoriale, gestionale, patrimoniale e contabile, sono dotate di un proprio statuto e sottoposte alla vigilanza della Regione. Alle ATER si applica la normativa generale in materia di societa' per azioni in quanto compatibile.

In materia di edilizia residenziale pubblica nell'ambito del territorio regionale, mantengono la competenza sul territorio delle corrispondenti circoscrizioni elettorali regionali. Le ATER realizzano gli obiettivi definiti dalla programmazione regionale nei settori dell'abitazione e dei servizi residenziali e sociali, anche mediante autonome iniziative imprenditoriali ritenute utili al perseguimento dei propri fini istituzionali, e forniscono assistenza tecnica nelle stesse materie ed in quella dell'assetto territoriale agli Enti locali, ad enti pubblici ed a soggetti privati realizzare gli interventi di edilizia residenziale e relativi servizi residenziali, assistiti da agevolazioni pubbliche o finanziati con mezzi propri. Hanno competenza in varie materie, come la realizzazione degli interventi edilizi servizi residenziali, sociali, opere di urbanizzazione ed infrastrutture urbanistiche per conto di Enti locali, enti pubblici e soggetti privati e nel settore dell'edilizia residenziale universitaria, a progetti urbanistici, piani particolareggiati e di recupero; dalla gestione del patrimonio di loro proprieta' e quello di proprieta' dello Stato e degli Enti locali, nonché il patrimonio di enti pubblici e privati affidato alla loro gestione alla formulazione di proposte sulle localizzazioni degli interventi di edilizia residenziale pubblica e così via discorrendo.

Insomma un misto tra pubblico e privato ove il carattere imprenditoriale a dire il vero non sussiste proprio per nulla, vedi il modo in cui vengono selezionate le cariche direttive o dirigenziali,  dove invece sussistono rilevanti interessi della politica nella distribuzione delle poltrone. L'Organo più importante è il Consiglio di Amministrazione il quale e' nominato con decreto del Presidente della Giunta regionale, previa deliberazione della Giunta medesima, su proposta dell'Assessore regionale all'edilizia e ai servizi tecnici, dura in carica cinque anni ed e' composto da: due componenti designati dall'Assessore regionale all'edilizia e ai servizi tecnici; due componenti eletti dal Consiglio provinciale, di cui uno espressione della minoranza consiliare; un componente designato dal Comune nel quale ha sede l'ATER. I membri sono scelti tra soggetti che abbiano svolto mansioni di direzione o consulenze amministrativa o gestionale di durata pluriennale, in strutture o societa' pubbliche o private ovvero siano stati Amministratori di Enti locali territoriali o degli ex IACP regionali ovvero siano liberi professionisti iscritti da almeno cinque anni nel rispettivo ordine di appartenenza. Il Direttore dell'ATER e' nominato dal Consiglio di amministrazione, ed e' scelto tra dirigenti pubblici o privati in possesso del diploma di laurea in materie giuridiche, tecniche o economiche che abbiano svolto attivita' dirigenziale per almeno cinque anni in enti o aziende pubbliche o private. Mentre il Presidente che ha la rappresentanza legale dell'ATER, convoca e presiede il Consiglio di amministrazione, sovrintende al buon funzionamento dell'ATER e vigila sul perseguimento degli obiettivi individuati dal Consiglio di amministrazione, e' nominato dalla Giunta regionale che lo sceglie tra i due componenti, designati dall'Assessore regionale all'edilizia e ai servizi tecnici, facenti parte del Consiglio di amministrazione.

Insomma come ben si può comprendere sono nomine politiche e per la politica, che in particolar modo premiano la maggioranza sussistente volta per volta nella Regione, Una Regione che oltre ad effettuare, come è giusto che sia la normale vigilanza, condiziona o determina anche le nomine dirigenziali, a discapito dei Comuni, ciò perché è la legge attuale che legittima il tutto, eppure queste dovrebbero essere cariche da ricoprire attraverso un concorso pubblico, un bando magari europeo, con le giuste ed adeguate competenze, perché la responsabilità dell'ATER è immensa, delicata e rilevante dal punto di vista sociale, e non deve essere espressione di maggioranza o minoranza politica alcuna. Ma il discorso è anche più complessivo andrebbe riformata in toto la disciplina vigente per l'ATER per renderla totalmente pubblica e far venire meno quel carattere di imprenditorialità che non ha avuto alcun effetto e beneficio per la collettività, tanti invece per poche individualità.




Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Ma ha ancora senso la "Venezia Giulia"? O meglio regione di Trieste?

Venezia Giulia. Un nome che ha sicuramente un suo fascino, originale, una forzatura storica pasticciata, proposta ed utilizzata sin dal 1863, come si legge nell'Enciclopedia Treccanti dal linguista goriziano G.I. Ascoli in sostituzione di ‘Litorale’ (Küstenland), usato dagli Austriaci. "Dal 1920 sotto la denominazione di V. furono compresi anche territori appartenenti alla Carniola; i limiti della regione non erano del resto ben definiti: ora comprendeva anche il Friuli ora questo era considerato come appartenente al Veneto, per cui la V. corrispondeva ai territori orientali ceduti dall’Austria all’Italia in seguito alla Prima guerra mondiale, cioè le province di Gorizia, Trieste, Pola e Fiume (superficie 8893 km2 con 955.257 ab. nel 1936), zona caratterizzata dal graduale trapasso del sistema alpino in quello dinarico e dalla compenetrazione di elementi italiani e slavi. Il piccolo lembo della V. rimasto all’Italia dopo la Seconda guerra mondiale è confluito nella regione a …