Passa ai contenuti principali

Scuola, quale verità su Babbo natale e Befana ?



Esiste o non esiste? Ogni anno, in prossimità delle festività natalizie, accade che in qualche prima elementare esplode od implode il caso Babbo Natale ma anche Befana. Raccontare o non raccontare ai bambini della scuola elementare la verità su Babbo Natale?
Deve essere questo compito della scuola o dei genitori?
Quale libertà d'insegnamento?
Senza dimenticare il ruolo di internet, i bambini , a cui i genitori fin da piccoli comprano cellulari o computer, possono arrivare da soli a capire che Babbo Natale non esiste.
Basta un semplice click per capire che Babbo Natale altro non è che una grande illusione.
Se il bambino chiederà, se il bambino porrà il problema in classe, più che essere categorici, freddi e schematici, a parer mio, si deve avviare un confronto affinché sia proprio il bambino a capire che Babbo Natale o la Befana altro non erano che una bugia buona.
Perchè le bugie buone esistono ed è ipocrita negarlo.
Nel caso inverso, quando il problema non si pone, quando i bambini non chiedono nulla in merito, perché uccidere precocemente Babbo Natale ?
Una questione etica ma anche di rilevanza sociale. E' nota anche la posizione puritana di molti conservatori, e Vescovi anche italiani, che reputano intollerante la cultura di babbo natale con il Natale cristiano. Ma anche su ciò vi sarebbe da dire molto in merito a tutto ciò che è correlato alla religione, al cristianesimo, al culto, ed a quelle verità religiose che vogliono diventare dogmi anche per la società laica.
A parer mio Babbo Natale, e la Befana a scuola, devono esistere in modo ragionevole ma senza coltivare il culto. Perché, pur nella consapevolezza della tendenza consumistica che caratterizza l'odierna figura del Babbo Natale o quella più povera della Befana, pur nella consapevolezza dei tentativi assolutamente robotizzanti che caratterizzano questa società, vedi quello che accade in alcuni centri commerciali della Gran Bretagna dove i bambini prima di incontrare Babbo Natale devono sottoporsi alla macchina della verità, ebbene, queste figure tradizionali ed altamente popolari rappresentano oltre che una forte emozione ed un piccolo sogno per i più piccoli, sono indice anche di quel grado di maturità e consapevolezza che l'individuo concretizzerà nel corso della sua vita.
Arriverà il momento in cui il bambino capirà che Babbo Natale o la Befana non esistono.
In quel momento si segnerà un passo verso la maturità, si porrà da parte il proprio essere fanciullo per iniziare a percorrere la via che condurrà al divenire lentamente essere adulto.
Vi è il tempo in cui si è bambini. Essere bambini implica anche sognare, credere in Babbo Natale o nella Befana, essere bambini vuol significare essere più umani e meno freddi e razionali.
E la scuola ha tra i suoi compiti anche quelli di coltivare i sogni e le emozioni dei bambini per accompagnarli lentamente e non precocemente verso quella consapevolezza che spingerà l'individuo a capire semplicemente che Babbo Natale o la Befana non verranno più perché ora sono semplicemente grandi per Babbo Natale e per la Befana.
Vi è un tempo per Babbo Natale vi è un tempo per la realtà.
Una realtà che comunque, grazie alle nuove tecnologie in primis, accelera la fine di Babbo Natale.
La scuola deve saper armonizzare tutto ciò ed ovviamente non coltivare il culto di Babbo Natale ma nello stesso tempo deve saper spiegare, quando ciò accadrà, il senso della bugia buona di Babbo Natale, ma senza bruciare i tempi.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto