Passa ai contenuti principali

Anche il collettivo Wu Ming sostiene Ronchi dei Partigiani


Si allarga il fronte degli intellettuali, artisti, scrittori, militanti antifascisti, ed anche semplici cittadini che sostengono l'iniziativa Ronchi dei PartigianiDopo aver ottenuto, il gruppo Ronchi dei Partigiani, una importante vittoria per la dignità, per la resistenza, il Comune di Ronchi dei Legionari ha reso noto che si attiverà, dopo 89 anni, per revocare la cittadinanza onoraria a Mussolini,  ma vittoria sarà quando, in tal senso, la cittadinanza onoraria verrà de facto revocata, fatto che è strettamente connesso all'attuale denominazione di Ronchi dei Legionari ed ovviamente alla pagliacciata pericolosa dell'impresa di Fiume, voluta da colui che da molti è stato definito come il San Giovanni Battista del Fascismo, D'Annunzio. Già, D'annunzio di cui si vuole ricordare solo il conveniente, si omettono per esempio i suoi versi razzistiPer esempio nella lettera ai Dalmati - E in me e con Lettera ai Dalmati così scrive : (...)
il croato lurido, s’arrampicò su per le bugne del muro veneto, come una scimmia in furia, e con un ferraccio scarpellò il Leone alato
oppure
(…) quell’accozzaglia di Schiavi meridionali che sotto la maschera della giovine libertà e sotto un nome bastardo mal nasconde il vecchio ceffo odioso...

oppure da Gli ultimi saranno i primi. Discorso al popolo di Roma nell'Augusteo, 4 maggio 1919 (…) Fuori la schiaveria bastarda e le sue lordure e le sue mandre di porci!

D'Annunzio a cui recentemente è stato dedicato a Ronchi, alle spalle del Comune, il nuovo museo che è incentrato sulla marcia di Fiume, "impresa" che ha anticipato ed ispirato , anche nei gesti oltre che nei simboli, la marcia su Roma. Un museo che, ovviamente, è diventato non solo attrazione per i curiosi, ma in modo silente, come mi è stato riferito da diversi antifascisti, un piccolo mausoleo, un punto di riferimento  per i nostalgici del fascismo, in prevalenza provenienti da Trieste.


Dopo Giorgio Canaliora il collettivo Wu Ming condivide Ronchi dei Partigiani. Il 12 dicembre si presenterà il nuovo libro #PointLenana, un libro che tra le varie cose e nella sua complessità innovativa affronta, in modo critico, l'impresa di Fiume, e così scrivono nella loro sitopresentazione il 12 dicembre RONCHI DEI LEGIONARI (GO) …anzi, #RONCHIDEIPARTIGIANI h.20:30 Auditorium comunale c/o Villa Vicentini, via Cau de Mezo 24 Funambolique & Wu Ming 1 nel reading/concerto EMILIO COMICI BLUES

Evviva la cultura resistente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…