Passa ai contenuti principali

I messaggi dall'ombra dopo la morte di Andreotti




Politicamente la fine della Prima Repubblica viene segnata in due passaggi, il 5 aprile del 1992 dove la DC ottenne il minimo storico dei suffragi ed il 1994 con la discesa in campo di Silvio Berlusconi tramite quella Forza Italia creata sulla carta nel 1993.
Ma in verità, a parer mio, nessuna Seconda Repubblica è veramente mai nata ma vi è stata sempre una chiara continuità con la Prima Repubblica anche dopo il 5 aprile del 1992 o la discesa in campo di Berlusconi. Perché possa iniziare un qualcosa vuol dire che un ciclo deve essere giunto a termine, ma così non è pienamente stato, sono emerse solo operazioni politiche gattopardiane, di continuità, volte a difendere e salvare l'architettura della Prima Repubblica nella Seconda Repubblica ma secondo le condizioni dettate da chi ha voluto un cambiamento nella gestione della Cosa Pubblica tramite la tregua conseguita con Cosa Nostra. Fare la guerra per ottenere la pace ma alle condizioni di chi ha voluto la guerra.

La Prima Repubblica, ancora in essere, ha subito un duro colpo con la morte di Giulio Andreotti il 6 maggio 2013.
E' questa la data corretta ove si deve segnare l'inizio di un qualcosa di diverso che dove condurrà non è ancora chiaro. Coincidenza vorrà che in concomitanza con l'aggravarsi della salute di Andreotti arriveranno le prime condanne per Berlusconi, dopo la sua morte arriveranno condanne pesantissime, ma la cosa che più deve indurre alla riflessione, oltre l'apertura sul caso Orlandi, la vicenda trasparenza Ior,e la riproposizione di Forza Italia, cosa che avevo anticipato nel mio piccolo mondo da blogger ben prima della conferma da parte dello stesso Berlusconi, operazione che deve essere letta in continuità con la Prima Repubblica, sono i messaggi che arrivano dall'ombra. Da un lato avrai un Provenzano messo a tacere, dall'altro avrai un Bisignani che all'improvviso diventerà l'uomo più potente d'Italia, ma altro non è che uomo al servizio del potere, che come già ho scritto in passato, con il suo libro, ha un solo scopo , ovvero difendere la memoria di Andreotti contro chi lo ha ripudiato o dimenticato,o verso chi  tradisce. Un messaggio dall'uomo venuto dall'ombra per ricordare ad alcune soggettività di potere che anche dopo la morte di Andreotti la fede deve essere rispettata. D'altronde le cose segrete non verranno mai dette e mai potranno essere dette, mai nessuna verità sarà tale, perché il segreto, mascherato dal velo della riservatezza, è il cuore della massoneria, del potere. Uscirà fuori solo quello che verrà reputato come idoneo, per la resa dei conti in itinere.
Appunto, resa dei conti.
Ed ora il messaggio di Rina.
La cosa più interessante di quanto affermato da Rina, è , a parer mio, quanto ora segue:
"Appuntato, lei mi vede che possa baciare Andreotti? Le posso dire che era un galantuomo e che io sono stato dell'area andreottiana da sempre". Appuntato, ha visto? Sono ancora un orologio svizzero, anche se mi sono fatto vecchio» .
Fede andreottiana e memoria.
Il patto di sangue, anche dopo la morte con Andreotti, non deve essere sconsacrato. Gli uomini che hanno reso la Prima Repubblica ciò che è stata, in continuità con la falsa Seconda Repubblica, ci sono ancora, e possono “spifferare”, possono uscire dal “sonno”, dall'ombra per punire chi oserà tradire o cedere il potere. E qualcuno che oserà tradire vi è,qualcuno che oserà la presa del potere vi è, altrimenti non si comprenderebbe il perché di tutto ciò. Sì, è in corso una grande guerra, sarà dura, violenta, come quella accaduta nel 1992, le cui modalità non è detto che non possano ripetersi , ora è chiaro perché spesso si paragona il periodo attuale al 92, altro che per ragioni economiche, per ragioni di potere, di mafia, di patti di sangue. Di messaggi ed "aperture" ne arriveranno ancora, questo è poco ma sicuro.





Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

D'Annunzio e gli slavi: "il flutto della barbarie schiava giungerebbe su Trieste"

19 ottobre 1919 una lettera che ha come destinatari principali i fiumani dal titolo Italia e Vita. Una lettera dove emergono concetti ed aspetti che connoteranno quell'imperialismo italiano che porterà all'invasione del Balcani con tutte le conseguenze nefaste che la storia ci ha ben insegnato. Una lettera, con un linguaggio semplicemente incomprensibile  in molti passaggi, e con uno stile assurdo, dove si eleva bene quel senso di disprezzo verso gli slavi che verrà rimarcata dal poeta amante della guerra in diverse occasioni.  Un D'Annunzio che esalta lo spirito degli italiani che hanno difeso l'italianità di Fiume, del Carnaro, dove " voi spiegaste nel vento del Carnaro il tricolore italiano, in faccia ai Croati che dal governatore ungaro avevano ricevuto il potere civico per inizio di quella frode più tardi proseguita sopra le navi imperiali in Pola nostra."
Uno spirito dell'italianità che sarebbe stato presente in diverse località, "per le coste…