Passa ai contenuti principali

I messaggi dall'ombra dopo la morte di Andreotti




Politicamente la fine della Prima Repubblica viene segnata in due passaggi, il 5 aprile del 1992 dove la DC ottenne il minimo storico dei suffragi ed il 1994 con la discesa in campo di Silvio Berlusconi tramite quella Forza Italia creata sulla carta nel 1993.
Ma in verità, a parer mio, nessuna Seconda Repubblica è veramente mai nata ma vi è stata sempre una chiara continuità con la Prima Repubblica anche dopo il 5 aprile del 1992 o la discesa in campo di Berlusconi. Perché possa iniziare un qualcosa vuol dire che un ciclo deve essere giunto a termine, ma così non è pienamente stato, sono emerse solo operazioni politiche gattopardiane, di continuità, volte a difendere e salvare l'architettura della Prima Repubblica nella Seconda Repubblica ma secondo le condizioni dettate da chi ha voluto un cambiamento nella gestione della Cosa Pubblica tramite la tregua conseguita con Cosa Nostra. Fare la guerra per ottenere la pace ma alle condizioni di chi ha voluto la guerra.

La Prima Repubblica, ancora in essere, ha subito un duro colpo con la morte di Giulio Andreotti il 6 maggio 2013.
E' questa la data corretta ove si deve segnare l'inizio di un qualcosa di diverso che dove condurrà non è ancora chiaro. Coincidenza vorrà che in concomitanza con l'aggravarsi della salute di Andreotti arriveranno le prime condanne per Berlusconi, dopo la sua morte arriveranno condanne pesantissime, ma la cosa che più deve indurre alla riflessione, oltre l'apertura sul caso Orlandi, la vicenda trasparenza Ior,e la riproposizione di Forza Italia, cosa che avevo anticipato nel mio piccolo mondo da blogger ben prima della conferma da parte dello stesso Berlusconi, operazione che deve essere letta in continuità con la Prima Repubblica, sono i messaggi che arrivano dall'ombra. Da un lato avrai un Provenzano messo a tacere, dall'altro avrai un Bisignani che all'improvviso diventerà l'uomo più potente d'Italia, ma altro non è che uomo al servizio del potere, che come già ho scritto in passato, con il suo libro, ha un solo scopo , ovvero difendere la memoria di Andreotti contro chi lo ha ripudiato o dimenticato,o verso chi  tradisce. Un messaggio dall'uomo venuto dall'ombra per ricordare ad alcune soggettività di potere che anche dopo la morte di Andreotti la fede deve essere rispettata. D'altronde le cose segrete non verranno mai dette e mai potranno essere dette, mai nessuna verità sarà tale, perché il segreto, mascherato dal velo della riservatezza, è il cuore della massoneria, del potere. Uscirà fuori solo quello che verrà reputato come idoneo, per la resa dei conti in itinere.
Appunto, resa dei conti.
Ed ora il messaggio di Rina.
La cosa più interessante di quanto affermato da Rina, è , a parer mio, quanto ora segue:
"Appuntato, lei mi vede che possa baciare Andreotti? Le posso dire che era un galantuomo e che io sono stato dell'area andreottiana da sempre". Appuntato, ha visto? Sono ancora un orologio svizzero, anche se mi sono fatto vecchio» .
Fede andreottiana e memoria.
Il patto di sangue, anche dopo la morte con Andreotti, non deve essere sconsacrato. Gli uomini che hanno reso la Prima Repubblica ciò che è stata, in continuità con la falsa Seconda Repubblica, ci sono ancora, e possono “spifferare”, possono uscire dal “sonno”, dall'ombra per punire chi oserà tradire o cedere il potere. E qualcuno che oserà tradire vi è,qualcuno che oserà la presa del potere vi è, altrimenti non si comprenderebbe il perché di tutto ciò. Sì, è in corso una grande guerra, sarà dura, violenta, come quella accaduta nel 1992, le cui modalità non è detto che non possano ripetersi , ora è chiaro perché spesso si paragona il periodo attuale al 92, altro che per ragioni economiche, per ragioni di potere, di mafia, di patti di sangue. Di messaggi ed "aperture" ne arriveranno ancora, questo è poco ma sicuro.





Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…