Passa ai contenuti principali

Vibo Valentia ad un passo dal dissesto finanziario



Squilla il telefono, è un tuo amico e ti dirà, il Comune è fallito.
Silenzio.
Faccio le verifiche del caso ed il quotidiano della Calabria conferma che  Vibo Valentia sarà uno dei pochi capoluoghi di provincia ad essere dichiarato in stato di dissesto finanziario. In Calabria dal 1989 sono stati più di 130 i comuni colpiti dal procedimento di dissesto finanziario, ed oltre 400 in tutta Italia, una procedura che in tempo di crisi sociale ed economica, ma in particolar modo di pessima gestione della cosa pubblica, è cresciuta in modo a dir poco preoccupante, perché chi pagherà il prezzo del dissesto finanziario è la cittadinanza. Si ha stato di dissesto finanziario se l'ente non può garantire l'assolvimento delle funzioni e dei servizi indispensabili ovvero esistono nei confronti dell'ente locale crediti liquidi ed esigibili di terzi cui non si possa fare validamente fronte, dunque le condizioni sono due, che possono essere anche disgiunte, l'incapacità dell'ente di onorare i suoi debiti, e l'impossibilità di assolvere le funzioni ed i servizi indispensabili di sua competenza .
Il Comune di Vibo ha un buco di diversi milioni di euro ma a giorni verrà sottoposto, salvo mutamento dei fatti, a dissesto finanziario.
Aumenteranno tutte le tasse comunali (IMU, addizionale comunale, TARSU) saranno aumentate il più possibile fino ad arrivare al tetto massimo consentito dalla legge, si procederà alla eliminazione dei servizi non indispensabili ed al contenimento degli altri livelli di spesa entro limiti di prudenza; si ridurrà il personale, insomma tra licenziamenti,aumento di tasse, diminuzioni di servizi, il Comune di Vibo Valentia vivrà una situazione che, per la sua storia lunga oltre 8.000 anni, certamente non merita, ma che merita per la cattiva, pessima, gestione politica e clientelare che ha affossato la Calabria nel corso del tempo. La 'ndrangheta ovviamente sarà in festa perché avrà la possibilità di incrementare il proprio controllo sociale, che come detto più volte, in condizioni disastrate come queste non può che trarne beneficio, e ciò oltre ad essere un danno è una beffa perché è proprio quella mentalità quel modo di fare che sorregge la 'ndrangheta ad aver determinato il fallimento di un Comune come quello di Vibo.
Pagheranno i cittadini, ma pagheranno anche gli amministratori, ma in ogni caso sarà un prezzo sempre minore rispetto a quello che investirà la cittadinanza, gli amministratori che la Corte dei Conti riconoscerà come responsabili, anche in primo grado, di danni cagionati con dolo o colpa grave, nei cinque anni precedenti il verificarsi del dissesto finanziario, non ricopriranno per un periodo di dieci anni, incarichi di assessore, di revisore dei conti di enti locali così come i sindaci ritenuti responsabili, inoltre, non saranno candidabili, per un periodo di dieci anni, alle cariche di sindaco, di presidente di provincia, di presidente di Giunta regionale, nonché di membro dei consigli comunali, dei consigli provinciali, delle assemblee e dei consigli regionali, del Parlamento e del Parlamento europeo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …