Passa ai contenuti principali

Vibo Valentia ad un passo dal dissesto finanziario



Squilla il telefono, è un tuo amico e ti dirà, il Comune è fallito.
Silenzio.
Faccio le verifiche del caso ed il quotidiano della Calabria conferma che  Vibo Valentia sarà uno dei pochi capoluoghi di provincia ad essere dichiarato in stato di dissesto finanziario. In Calabria dal 1989 sono stati più di 130 i comuni colpiti dal procedimento di dissesto finanziario, ed oltre 400 in tutta Italia, una procedura che in tempo di crisi sociale ed economica, ma in particolar modo di pessima gestione della cosa pubblica, è cresciuta in modo a dir poco preoccupante, perché chi pagherà il prezzo del dissesto finanziario è la cittadinanza. Si ha stato di dissesto finanziario se l'ente non può garantire l'assolvimento delle funzioni e dei servizi indispensabili ovvero esistono nei confronti dell'ente locale crediti liquidi ed esigibili di terzi cui non si possa fare validamente fronte, dunque le condizioni sono due, che possono essere anche disgiunte, l'incapacità dell'ente di onorare i suoi debiti, e l'impossibilità di assolvere le funzioni ed i servizi indispensabili di sua competenza .
Il Comune di Vibo ha un buco di diversi milioni di euro ma a giorni verrà sottoposto, salvo mutamento dei fatti, a dissesto finanziario.
Aumenteranno tutte le tasse comunali (IMU, addizionale comunale, TARSU) saranno aumentate il più possibile fino ad arrivare al tetto massimo consentito dalla legge, si procederà alla eliminazione dei servizi non indispensabili ed al contenimento degli altri livelli di spesa entro limiti di prudenza; si ridurrà il personale, insomma tra licenziamenti,aumento di tasse, diminuzioni di servizi, il Comune di Vibo Valentia vivrà una situazione che, per la sua storia lunga oltre 8.000 anni, certamente non merita, ma che merita per la cattiva, pessima, gestione politica e clientelare che ha affossato la Calabria nel corso del tempo. La 'ndrangheta ovviamente sarà in festa perché avrà la possibilità di incrementare il proprio controllo sociale, che come detto più volte, in condizioni disastrate come queste non può che trarne beneficio, e ciò oltre ad essere un danno è una beffa perché è proprio quella mentalità quel modo di fare che sorregge la 'ndrangheta ad aver determinato il fallimento di un Comune come quello di Vibo.
Pagheranno i cittadini, ma pagheranno anche gli amministratori, ma in ogni caso sarà un prezzo sempre minore rispetto a quello che investirà la cittadinanza, gli amministratori che la Corte dei Conti riconoscerà come responsabili, anche in primo grado, di danni cagionati con dolo o colpa grave, nei cinque anni precedenti il verificarsi del dissesto finanziario, non ricopriranno per un periodo di dieci anni, incarichi di assessore, di revisore dei conti di enti locali così come i sindaci ritenuti responsabili, inoltre, non saranno candidabili, per un periodo di dieci anni, alle cariche di sindaco, di presidente di provincia, di presidente di Giunta regionale, nonché di membro dei consigli comunali, dei consigli provinciali, delle assemblee e dei consigli regionali, del Parlamento e del Parlamento europeo.


Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…