Passa ai contenuti principali

Trieste: inizia la battaglia tra la stampa ed il Movimento Trieste Libera



Quando a Trieste si parla di stampa, si parla del Piccolo, esistono altri giornali, come La Voce di Trieste oppure la Gazzetta Giuliana ma escono solo ogni 15 giorni e dunque non possono, per ovvi motivi, competere con il Piccolo e rivestire la stessa importanza del Piccolo.
Internet è ovviamente altra storia, ma le persone connesse sono ancora poche per mettere in discussione la tradizione e dunque l'informazione che farà testo sarà in via prevalente ancora quella cartacea. Il Movimento Trieste Libera in passato appariva sul Piccolo con qualche breve notizia, foto, ma nessun vero approfondimento. Dopo l'articolo apparso sul quotidiano nazionale La Stampa e nel momento in cui il Movimento decide di recarsi a Vienna, per “recuperare” il rapporto con l'Austria dopo aver presentato la messa in mora al Governo italiano per per la violazione del mandato internazionale di amministrazione fiduciaria ottenuto con il Memorandum di Londra del 5 ottobre 1954, apparirà prima l'intervento del segretario provinciale del PD di Trieste, che a parer mio sbaglierà completamente l'analisi politica sul Movimento Trieste Libera, facendo trapelare che in sostanza lo scopo di questa realtà sarebbe meramente gattopardiana, poi seguiranno diversi articoli nei giorni che verranno, dall'intervista al Presidente del MTL, alle opinioni espresse dai politici della Città, Sindaco attuale ed ex Sindaco inclusi.
Perché tutto ciò così all'improvviso?
Si parlerà di inganno, di missione impossibile, di iniziativa fuori tempo ed altro ancora ma non si analizzerà pienamente il vero motivo che vede crescere questo movimento in tale tempo di crisi, appunto. Già lo avevo scritto in passato, questo movimento, che è indipendentista e non autonomista, come erroneamente identificato da alcuni politici, non potrà che crescere per ovvi motivi.
Motivi che trovano un riscontro anche nella grande astensione durante il periodo elettorale, record assoluto e storico in Friuli Venezia Giulia, che trovano riscontro nelle imposizioni fiscali, che trovano riscontro nella mancanza di lavoro, che trovano riscontro in un progetto che vuole la metamorfosi di Trieste in Montecarlo, città per ricchi ed alta borghesia, che trovano riscontro nella crescente illegalità verso l'ambiente, il mare, la natura ed ovviamente sul caso porto. L'aver abbandonato totalmente ogni iniziativa di lotta sulla questione porto vecchio e punto franco è stato un grave errore politico ben colto dal Movimento Trieste Libera che ha colmato questo inesorabile vuoto. Trieste è nata come città prevalentemente portuale, e l'attività portuale può e deve continuare, a parer mio, solo a condizione che si adottino tutte le misure a salvaguardia dell'ambiente e del mare. Altrimenti a che cosa serve scandalizzarsi quando si vedono delfini morti nel golfo od il mare colmo di immondizia oppure a cosa serve meravigliarsi quando vedrai i delfini saltare nel golfo di Trieste?

Personalmente non condivido il rincorrere l'ONU per chiedere il riconoscimento dell'indipendenza di Trieste e la realizzazione del Territorio Libero per due semplici motivi, il primo perché è stato proprio l'ONU con la sua acquiescenza della situazione ancora esistente a consentire la non realizzazione del territorio libero, ed in secundis perché mai io rivendicherei l'esistenza od indipendenza di uno Stato tramite l'ONU organismo filo-americano, espressione del peggior capitalismo ed imperialismo? Però è anche vero che la società funziona come funziona dunque  muoversi, oggi, senza un riconoscimento dell'Onu è un chiaro problema politico, economico e sociale. Però sussiste anche una ragione meramente di principio, quanti Stati ancora? Io che vorrei una società senza Stati dovrei battermi per la realizzazione dell'ennesimo piccolo Stato governato poi dall'Onu o chi per loro? Certo si dirà l'Italia non è, nelle logiche del massimo sistema, poi tanto diversa. Ed allora il problema casomai è invertire la situazione esistente in Italia ed in Europa, riconoscere non solo formalmente ma anche sostanzialmente la sovranità al popolo, una distribuzione delle ricchezze giusta e solidale, cosa che non si intravede neanche con il miglior telescopio. Se la politica attuale pensa di contrastare il Movimento Trieste Libera, con la lettura politica che è emersa in questi giorni sulle pagine del Piccolo, il MTL non potrà che trarne beneficio. Le persone che aderiscono al MTL, che io rispetto, non sono stupide né illuse, né tratte in inganno, sono persone consapevoli, che non ne possono più del sistema Italia e sistema Trieste e forse è su ciò che bisognerebbe interrogarsi seriamente.

Commenti

  1. Questo è un post dal gruppo di Trieste Libera su Facebook:"L' Avvocato Edoardo Longo, distintosi per i risultati ottenuti a favore delle Leggi Internazionali determinanti la non sovranità italiana sulla Zona A del Territorio Libero di Trieste è stato sospeso dall' Ordine degli Avvocati per tre mesi. "
    Questo personaggio è o era l'avvocato di trieste libera? sempre dallo stesso post su FB "possiamo solo anticipare che è stata una ragione per la quale nessun altro avvocato sarebbe stato sospeso ... e ci sono vicine scadenze cruciali per la questione di Trieste che l' avrebbero visto protagonista senza possibilità da parte della giustizia italiana di poter controbattere"

    Che legami ci sono tra Trieste Libera e questo avvocato?http://www.adelaideinstitute.o..

    RispondiElimina
  2. http://www.adelaideinstitute.o...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Crisi Eaton Monfalcone un fronte unico per mantenere lo stabilimento

Nel consiglio comunale straordinario di Monfalcone, convocato per la questione Eaton, sono emerse con estrema chiarezza alcuni punti fermi per i lavoratori, forse non molto fermi per una certa politica. E' emerso con evidenza la necessità di essere tutti uniti, che ognuno faccia il proprio dovere nei limiti delle proprie possibilità e funzioni, perchè a Monfalcone la "crisi" Eaton intendendosi per crisi la scelta unilaterale aziendale di chiudere baracca per andare altrove, è effettivamente un qualcosa che ancora non è stato forse compreso bene da tutti dove può portare.  Quando si dice che oltre 200 famiglie andranno in condizione di povertà, di precarietà totale, che si aggiungeranno già ad altre migliaia di famiglie senza lavoro, in una provincia maglia nera per l'occupazione, quale quella goriziana, significa dire che la situazione effettivamente ha delle potenzialità implosive ed esplosive sociali enormi. Quella fabbrica ha una storia di lotte importanti nel m…