Passa ai contenuti principali

La 'ndrangheta cambia pelle?



Dopo il caso Lo Giudice e la sua fuga con il contestuale proclamo di sfiducia al pentitismo, che dovrà probabilmente essere rivisto e valutato con la massima cautela, giunge notizia che Tito, capo del locale Seregno e Giussano ha reso noto che la 'ndrangheta sta letteralmente e sostanzialmente cambiando pelle.
Il tutto si pone in linea con quanto denunciato in passato, e ricordato puntualmente dal quotidiano della Calabria, infatti, nel 2011 Mancuso, uno dei più potenti capi della 'ndrangheta del vibonese e della Calabria, veniva intercettato telefonicamente e affermava che «La 'ndrangheta fa parte della massoneria, E' sotto della massoneria, però hanno le stesse regole e le stesse cose…».
La mafia ha cambiato strategia dal 1993, dopo il periodo stragista, con l'inizio effettivo della seconda repubblica, non più stragista, salvo qualche regolamento di conti a colpi di fucile o pistola, è diventata semplicemente un comitato d'affari dentro lo Stato con il solito braccio della politica ma anche certamente con quello della finanza e del mercato e di tutto ciò che vi è connesso dove è difficile riuscire a controllare il danaro riciclato e rintracciare la provenienza dello stesso.
La 'ndrangheta dopo la nota strage di Duisburg ha deciso di porre fine ad un certo modo di fare.
Le stragi non devono più esistere.
Da protezione sociale nel territorio, al clientelismo, ai sequestri di persona, all'investimento nella droga e traffico di armi, al rapporto con la politica e l'entrata nel settore dell'appalto pubblico, alla finanza e mercato. Mafie che si adeguano ai voleri del capitalismo, mafie costole essenziali del capitalismo corrotto.
 Certamente nel territorio ove è radicalmente presente si deve fare anche vedere, la tassa di presenza , ovvero il pizzo, dovrà essere sempre pagato, qualche bomba esploderà ancora o qualche colpo di pistola verrà ancora sparato verso chi ostenta indecisione, così come i regolamenti di conti sussistono e sussisteranno sempre, d'altronde dalla 'ndrangheta si uscirà con la morte fisica o sociale, così come avviene nella massoneria deviata e non riconosciuta, chiamata anche società segreta.
Società segreta è anche la 'ndrangheta, che da un lato continuerà a mantenere fermi e saldi i riti come quelli di iniziazione e dall'altro sarà moderna nel modo di vivere il mondo degli affari.
Recentemente si è verificato a Nicotera, paese in provincia di Vibo ma a pochi passi da Rosarno e Limbadi, un furto sacrilego nella concattedrale di Nicotera, hanno rubato la pisside contenente le ostie consacrate.
Ostie consacrate che vengono utilizzate sia dalla massoneria deviata, dalle società segrete nei suoi riti di iniziazione che probabilmente anche dalla 'ndrangheta, infatti durante il rito di iniziazione il capobastone dirà:Calice d’argento, ostia consacrata, parole d’omertà è formata la società.

Se le parole di Tito corrispondono al vero, se non saranno l'ennesimo tentativo della strategia del caos, all'interno della 'ndrangheta si manifesterà qualche importante regolamento di conti tra i vecchi ed i nuovi nella presunta strategia camaleontica in itinere, come accade ora nella politica e nella società del potere.
Coincidenze?

Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…