Passa ai contenuti principali

Un bene sequestrato dallo Stato alla mafia andrà alla Chiesa di Palermo per edificare una parrocchia





L'agenzia per i beni confiscati alla mafia comunica che in adesione adesione alla richiesta in tal senso formulata dall’Arcivescovo di Palermo – Cardinale Paolo ROMEO, il Consiglio Direttivo dell’ANBSC, presieduto dal Prefetto Giuseppe Caruso, nella seduta del 26 febbraio u.s.. ha deliberato la destinazione al Comune di Palermo di un terreno facente parte del compendio aziendale della Ienna Giovanni Srl , società confiscata e in liquidazione, per essere assegnato alla Curia Vescovile per la edificazione di una chiesa parrocchiale intitolata a Don Pino Puglisi; è ubicato nel quartiere Brancaccio del capoluogo siciliano.
Contestualmente, con separato atto, il Sindaco di Palermo ha concesso, a titolo gratuito, alla Parrocchia di San Gaetano – Maria SS Divino Amore, i terreni anzidetti.
Sempre sul sito dell'Agenzia si legge che “di recente si è appreso che il progetto in argomento è lo stesso che Don Pino Puglisi, nel luglio del 1993 (meno di due mesi prima della sua barbara uccisione), aveva commissionato ad un tecnico fiduciario.”

Ma si si ricorda anche che “il progetto di costruzione della parrocchia intestata a Don Pino Puglisi nel difficile quartiere Brancaccio di Palermo con la contestuale realizzazione di un adiacente centro sportivo polivalente assume un elevato valore simbolico e sociale e si inquadra in un momento storico di particolare coinvolgimento collettivo ove si considera che nel giugno 2012, il Santo Padre ha autorizzato la promulgazione del decreto per la beatificazione di Don Giuseppe Puglisi.”

Ma perché donare beni confiscati alla mafia alla Chiesa? Ad uno Stato laico cosa dovrebbe importare che, con tutto il rispetto che si possa nutrire verso Don Puglisi, ucciso dalla mafia, sia stato promulgato il decreto per la sua beatificazione?
Il problema è sociale ed etico. La Chiesa colma quella lacuna che lo Stato, anche volutamente, lascia che sia tale, ovvero delega alle parrocchie gli interventi nelle zone rionali o nei quartieri periferici più difficili, quando in realtà dovrebbe essere lo Stato ad intervenire e non la Chiesa.
Perché non edificare su quel terreno una scuola? Magari una scuola contro le mafie? No, si decide invece di destinare, gratuitamente, alla Chiesa, nel nome di Don Puglisi, un terreno sequestrato alle mafie. Siamo nel 2013 ma si continua ad operare e ragionare come nel 1200. Deve essere lo Stato e solo lo Stato con le sue istituzioni, con la società civile e laica a dover intervenire anche e non solo nel campo infinito delle mafie. Perché invece si continua a delegare il tutto alla Chiesa?Probabilmente lo Stato si sente in colpa per la morte di Don Puglisi e pensa, con tale atto, di ripulirsi la coscienza, ma serve ben altro per avere una coscienza libera e pulita, come prima cosa si deve rompere quell'omertà di Stato pro-mafia, che regna ancora sovrana.





Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone