Passa ai contenuti principali

Pirandello e il fascismo, parla il nipote


Si è conclusa a Goriza la IX edizione di èStoria, Festival internazionale della storia, il tema per il 2013 era Banditi. 

Presso la Tenda Apih, domenica 26 maggio si è svolto l'incontro, molto partecipato, con il nipote del premio Nobel Luigi Pirandello, Pierluigi Pirandello, il quale ha ricordato la vita di suo nonno attraverso l'arte, la cultura, la letteratura.

 Quando la palla passerà al pubblico una docente presente in sala chiederà al nipote di Pirandello per quale motivo suo nonno ha aderito al fascismo dopo la morte di Matteotti?

L’adesione di Pirandello al fascismo viene resa pubblica attraverso un telegramma pubblicato il 19 settembre del ’24 su “L’impero”un giornale fascista dell’epoca. Il telegramma così recitava : “Eccellenza sento che per me questo e’ il momento piu’ propizio per dichiarare una fede nutrita e servita sempre in silenzio. Se l’Eccellenza Vostra mi stima degno di entrare nel PNF pregero’ come massimo onore tenervi il posto del piu’ umile e obbediente gregario con devozione intera. Luigi Pirandello” .

Il nipote di Pirandello dirà che aveva “una cattedra da difendere”, conquistata con grande fatica e poi, come si dice a Roma, specificherà che “teneva famiglia”. In sostanza opportunismo. Quell'opportunismo che è stato rifiutato da molti che hanno pagato a caro prezzo tal gesto, con l'esilio, il confino e la prigionia e la censura e per uno scrittore non vi è cosa peggiore della censura, per uno scrittore non vi è cosa peggiore dell'oblio e di essere nessuno tra i centomila perché ogni scrittore vorrà essere sempre l'uno primeggiante ed unico.


Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto