Passa ai contenuti principali

Ma è ancora utile votare?




Dall'Europa allo Stato italiano, dallo Stato Italiano alle non più autonomie locali.
La conferenza stampa, del Governo, di giovedì 4 ottobre, verrà ricordata, oltre che per la canonica freddezza comunicativa che caratterizza il suo tecnicismo, specialmente per lo schiaffo che viene conferito alle Regioni, e Comuni.
Più di una volta viene ribadito che il provvedimento, adottato in via d'urgenza, è stato evocato ed invocato dalle Regioni, e che nello stesso tempo il tutto si verifica con il rispetto, costituzionale, delle autonomie locali.
Insomma se non si rispettano i compiti per casa, come imposti dal Governo, le autonomie locali, verranno sanzionate in modo pesante, con tagli fino all'80% dei contributi statali, per arrivare, nella peggiore delle ipotesi, allo scioglimento delle medesime.
Come può esservi autonomia, quando l'erogazione di fondi e contributi statali, è vincolata a paletti rigorosi, con la minaccia dello scioglimento?
Paletti che se saltati o evitati si scaglieranno verso e contro i cittadini?
Già, perché ancora una volta a pagare, saranno i soliti noti
I cittadini.
Certo, molti in prima battuta avranno detto, finalmente questo Governo, bastona, in via normativa e sostanziale, la malapolitica, la non gestione del bene comune e pubblico.
Ma se ciò è accaduto fino ad oggi, è colpa anche nostra.
Noi che abbiamo tollerato, per migliaia di ragioni, vuoi per il solito sistema clientelare, che non è più solo una questione meridionale, ma totalmente italiana, vuoi perché tanto la cosa non ti toccava direttamente, vuoi perché così fan tutti, ora pagheremo questa indifferenza che in sostanza corrisponde a complicità.
I governi politici saranno inutili, in questa lunga, lunghissima fase, chiunque governerà dovrà soddisfare le pretese dell'Europa finanziaria , chiunque governerà a livello locale dovrà far quadrare i conti. Insomma, saranno forse delle sfumature a mutare il come governare, ma l'essenza non muterà, dunque, a che serve e servirà votare?
La politica sarà solo espressione di Bilancio e Cassa. A questo punto, sarebbe più coerente definire lo stato di emergenza permanente, sospendere ogni processo elettorale, che ha anche un costo notevole, piuttosto che effettuare delle consultazioni politiche che nella sostanza saranno inutili e parvenza di democrazia, perché chiunque andrà a governare, non potrà imporre la propria politica sociale, ma solo soddisfare i vincoli di Bilancio.
L'unica alternativa possibile si chiama rivoluzione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto