Passa ai contenuti principali

Ma è ancora utile votare?




Dall'Europa allo Stato italiano, dallo Stato Italiano alle non più autonomie locali.
La conferenza stampa, del Governo, di giovedì 4 ottobre, verrà ricordata, oltre che per la canonica freddezza comunicativa che caratterizza il suo tecnicismo, specialmente per lo schiaffo che viene conferito alle Regioni, e Comuni.
Più di una volta viene ribadito che il provvedimento, adottato in via d'urgenza, è stato evocato ed invocato dalle Regioni, e che nello stesso tempo il tutto si verifica con il rispetto, costituzionale, delle autonomie locali.
Insomma se non si rispettano i compiti per casa, come imposti dal Governo, le autonomie locali, verranno sanzionate in modo pesante, con tagli fino all'80% dei contributi statali, per arrivare, nella peggiore delle ipotesi, allo scioglimento delle medesime.
Come può esservi autonomia, quando l'erogazione di fondi e contributi statali, è vincolata a paletti rigorosi, con la minaccia dello scioglimento?
Paletti che se saltati o evitati si scaglieranno verso e contro i cittadini?
Già, perché ancora una volta a pagare, saranno i soliti noti
I cittadini.
Certo, molti in prima battuta avranno detto, finalmente questo Governo, bastona, in via normativa e sostanziale, la malapolitica, la non gestione del bene comune e pubblico.
Ma se ciò è accaduto fino ad oggi, è colpa anche nostra.
Noi che abbiamo tollerato, per migliaia di ragioni, vuoi per il solito sistema clientelare, che non è più solo una questione meridionale, ma totalmente italiana, vuoi perché tanto la cosa non ti toccava direttamente, vuoi perché così fan tutti, ora pagheremo questa indifferenza che in sostanza corrisponde a complicità.
I governi politici saranno inutili, in questa lunga, lunghissima fase, chiunque governerà dovrà soddisfare le pretese dell'Europa finanziaria , chiunque governerà a livello locale dovrà far quadrare i conti. Insomma, saranno forse delle sfumature a mutare il come governare, ma l'essenza non muterà, dunque, a che serve e servirà votare?
La politica sarà solo espressione di Bilancio e Cassa. A questo punto, sarebbe più coerente definire lo stato di emergenza permanente, sospendere ogni processo elettorale, che ha anche un costo notevole, piuttosto che effettuare delle consultazioni politiche che nella sostanza saranno inutili e parvenza di democrazia, perché chiunque andrà a governare, non potrà imporre la propria politica sociale, ma solo soddisfare i vincoli di Bilancio.
L'unica alternativa possibile si chiama rivoluzione.

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Scuola: tra ponti ed elezioni in FVG nel 2018 una vacanza al mese

Le elezioni politiche saranno il 4 marzo, mentre in Friuli Venezia Giulia si dovrebbe votare per il rinnovo del Consiglio Regionale nei primi di maggio 2018.

Non male e non poteva andare meglio.

Dall'epifania fino alla fine dell'anno scolastico in Friuli Venezia Giulia praticamente ci sarà una mini vacanza al mese. Le vacanze di carnevale dal 12 al 14 febbraio, le vacanze di pasqua dal 29 marzo al 3 aprile, le elezioni politiche che interesseranno gran parte delle nostre scuole di marzo, poi il ponte di fine aprile per il primo maggio, e la settimana successiva la votazione per le regionali. Ovviamente tutti questi giorni verranno computati ai fini della validità dell'anno scolastico.
Marco Barone