Passa ai contenuti principali

La Finestra sul Carso



Esiste un rito laico, sociale, individuale, un rito diventato abitudine, abitudine diventata ordinaria quotidianità quasi meccanica.
Aprire la finestra, far entrare la luce esterna in quella stanza che ha raccolto e nascosto in qualche angolo dove la polvere si nasconde sempre con grande strafottenza, i pensieri di una notte rimossi nell'oblio del sonno, è un gesto di sfida.
Sfidi il tuo umore.
Sfidi il rumore di città.
Sfidi la curiosità.
Sfidi il giorno che sarà.
Ma a volte quella finestra non vuoi proprio aprirla. Sei combattuto, sei indeciso, vivi l'ennesimo dubbio.
Ed allora decidi di socchiudere al mondo esterno ed all'interno della tua latitanza sociale nella stanza immersa da fumosi pensieri, quella finestra che ti conduce, ed altro non può fare, su quel primo ciglione carsico devastato dall'edilizia selvaggia.
In quel rione di Roiano, ove il centro ruota intorno alla solita piazza della Chiesa, perché la Chiesa in molte periferie cittadine rappresenta il centro di gravità secolare ma non permanente, pensi a quella brutalità.
Una brutalità folle, coltivata nella ragione di quel profitto che ha mutato l'uomo in dio eterno ed immortale.
Vorresti avere un potere che sia il potere.
Vorresti con il tuo grido allearti con la forza della natura e far piombare nella foiba naturale quel capitalismo che altro non è che un maledetto diavolo.
Un diavolo che vuoi combattere ma senza acqua santa, dunque non potrai esorcizzare nulla, e quel nulla è il tutto di questa società che non vuol diventare comunità.
Nè diavolo, né acqua santa.
Ma oggi quella finestra non voglio proprio aprirla.

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto