Passa ai contenuti principali

La Sentenza 199/12 della Corte Costituzionale non esclude la privatizzazione dell'acqua




In data 20 luglio da più parti è giunto un coro univoco, un coro che esaltava la grande vittoria dei movimenti, poiché la Corte costituzionale farebbe saltare la privatizzazione dell'acqua e dei servizi pubblici locali.
Un sentimento di euforia che ben comprendo, essendo anche io uno di quelli che ha sostenuto e sostiene il carattere pubblico e di bene comune dell'acqua, però dobbiamo necessariamente ritornare con i piedi per terra.
Già, perché se la sentenza 199 e 200 del 2012 riconosce che il vincolo referendario è stato infranto con l'articolo 4 del d.l. n. 138 del 2011, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 148 del 2011  dichiarando la palese violazione dell'articolo 75 della Costituzione, in realtà non si ribadisce il carattere né pubblico né comune dell'acqua, anzi questa sentenza suggerisce al legislatore come fare per intervenire in materia.
Diciamo che è una sentenza dal doppio effetto.
Il primo dal grande impatto mediatico e di riconoscimento apparente della democrazia diretta, riconoscendo il valore del referendum e riconoscendo il diritto all'illusione dei cittadini, dall'altro lato suggerisce, appunto, ai governanti come fare per privatizzare i beni comuni, quindi, l'acqua.
Non è una mia follia interpretativa.
E' tutto scritto nero su bianco, e mi sorprende che questa disposizione sia sfuggita ai più.
Come prima cosa nella sentenza n° 199 si richiama testualmente una vecchia sentenza della Corte la quale afferma che: «la normativa successivamente emanata dal legislatore è pur sempre soggetta all’ordinario sindacato di legittimità costituzionale, e quindi permane comunque la possibilità di un controllo di questa Corte in ordine all’osservanza – da parte del legislatore stesso – dei limiti relativi al dedotto divieto di formale o sostanziale ripristino della normativa abrogata dalla volontà popolare» (sentenza n. 9 del 1997)
Però afferma che il legislatore ordinario, «pur dopo l’accoglimento della proposta referendaria, conserva il potere di intervenire nella materia oggetto di referendum senza limiti particolari che non siano quelli connessi al divieto di far rivivere la normativa abrogata» (sentenza n. 33 del 1993; vedi anche sentenza n. 32 del 1993).
Ma specialmente che Né può ritenersi che sussistano le condizioni tali da giustificare il superamento del predetto divieto di ripristino, tenuto conto del brevissimo lasso di tempo intercorso fra la pubblicazione dell’esito della consultazione referendaria e l’adozione della nuova normativa (23 giorni), ora oggetto di giudizio, nel quale peraltro non si è verificato nessun mutamento idoneo a legittimare la reintroduzione della disciplina abrogata.
Cosa vuol dire ciò?
Significa, questa esplicazione della Corte, che si deve avere pazienza. Una pazienza che deve riconoscere la finzione del diritto della democrazia diretta e partecipata. Superato il periodo della pazienza necessaria, si potrà intervenire, giustificando, per esempio la privatizzazione del bene comune, mai riconosciuto come tale dalla Corte Costituzionale, quale l'acqua pubblica come appunto bene comune, per ragioni che al momento del referendum non sussistevano ma che ora sussistono.
Penso al pareggio di bilancio, penso all'articolo 81 della costituzione, penso al rispetto della cassa dello Stato, penso allo spread, penso alla crisi, tutte condizioni tecnicamente e giuridicamente idonee a scavalcare la volontà referendaria ed a legittimare la reintroduzione della disciplina abrogata.
Quindi, basta un mutamento idoneo a legittimare la reintroduzione della disciplina abrogata ed un lasso di tempo sufficiente dall'esito del referendum, per rendere pieno il potere dell'oligarchia esistente, tutelando nel breve termine l'apparenza della democrazia diretta e nel lungo termine quello del sistema.
Ma i sistemi non governano per il breve termine, governano per e nel lungo termine, e son certo che l'acqua sarà destinata ad essere privatizzata, almeno a livello normativo, perché la Corte costituzionale non ha blindato la non privatizzazione dell'acqua, ma specialmente ha indicato espressamente come fare per superare la volontà referendaria.
Questo è il quanto.
Quindi, attenzione massima, la partita non è finita.

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…