Passa ai contenuti principali

Da Piazza delle Cinque Lune a Piazza Montecitorio, la lotta censurata dei docenti della scuola





Non mi perderò in noiose frenesie giuridiche.
Questo è il tempo ove regna sovrana l'incivilita giuridica, espressione senza colore alcuno, di quella società che domina e sovrasta ogni senso di rispetto verso e per l'essere umano.
La Costituzione italiana con i suoi principi fondamentali è stata per alcuni anni della nostra recente storia una sorta di guida sul come normare diritti e rendere la democrazia democratica.
Ma oggi giorno con colpi di penna, anzi di tastiera, sostenuti dalla politica di palazzo, sia essa di sinistra che di destra, complice piena della sofferenza umana che reca a migliaia di persone, si cancellano diritti quesiti, diritti entrati nella sfera giuridica e sociale del lavoratore, diritti diventati il patrimonio sociale del lavoratore.
Mi riferisco alla vicenda dei docenti idonei ad altri compiti.
Uomini e donne, che per gravi, gravissimi problemi di salute, hanno trovato nella contrattazione integrativa nazionale ma anche nella passata e legge, il riconoscimento di una forma di protezione sociale importante.
Continuare a svolgere il proprio lavoro, principalmente nelle biblioteche della scuola, mantenendo il contatto diretto con gli studenti e con la docenza e rimanendo docenti.
Come detto con la spending review si annienta, dopo vari tentativi falliti, questo diritto, costringendo migliaia di persone che soffrono già gravi problemi di salute, perché invalidi, a cambiare d'ufficio lavoro, con il rischio elevato di essere licenziati.
Nello stesso tempo si è alimentata una guerra interna nel mondo della scuola, perché questi lavoratori assunti come docenti, passeranno d'ufficio ad altro profilo professionale, quale quello ATA, andando ad occupare posti destinati ad altri lavoratori precari che da una vita attendevano la stabilizzazione .
Ma il peggio del peggio è dato dal fatto che la maggior parte di queste persone non è nelle condizioni fisiche di sopportare il lavoro nelle segreterie delle scuole.
Insomma una vero accanimento selvaggio da parte di uno stato infedele alla costituzione e fedele a quella freddezza glaciale che rende ogni individuo pedina del sistema e non parte attiva della società.
Questi lavoratori da giorni scioperano, protestano con presidi permanenti sotto il sole cocente di Roma, urlano e gridano alla società italiana questa incredibile ingiustizia, non è giusto è l'unica cosa che ti senti di dire e che sentirai dire, non per demagogia o sterile retorica, ma perché così è.
Ingiusto.
Chiacchiere, dai palazzi arrivano solo chiacchiere e prese in giro, alimentando false speranze ed illusioni.
Queste persone le rispetto, molte di loro le conosco anche di persona, i Cobas hanno sostenuto attivamente questa lotta, una lotta che continua da due anni senza sosta, una lotta che ha provato tutte le strade possibili ed immaginabili, e loro, uomini e donne dalla grande dignità resistono, nonostante tutto.
Questa lotta forse è censurata sia per il gran senso di vergogna che si può provare nel sapere che si approva una norma di simile portata, sia perché forse si teme l'effetto emulazione.
Se queste persone, nonostante i loro problemi gravi di salute, lottano con tale determinazione, è chiaro che ciò potrebbe recare qualche problema alla stabilità del sistema perché potrebbero essere da esempio per migliaia di lavoratori che presto vivranno il licenziamento anche nel pubblico impiego.
Perché se questa norma diventerà legge, e colpirà in tal modo la parte più tutelata della società, non oso pensare cosa accadrà a chi non usufruisce dei benefici per l'invalidità civile o per handicap grave.
Ed allora ecco la censura da parte della grande stampa e grandi media, infatti, salvo i siti internet che si occupano di scuola o qualche breve trafiletto o fugace intervista, questa lotta e questa problematica ai più è sconosciuta.
Ciò è  sintomo di complicità con questo governo politico sostenuto da quella politica che prima o poi verrà chiamata a giudizio.
Chiudo con una frase di Solone, una frase tratta dal film la piazza delle cinque lune, Piazza da dove si eleva un gran voce di dignità, una frase che rappresenta bene l'essenza di questo momento:

"La giustizia è come una tela di ragno : trattiene gli insetti piccoli, mentre i grandi trafiggono la tela e restano liberi".

Video tratto da orizzonte scuola

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…