Passa ai contenuti principali

Trieste nell'inferno dell'incuria



« Ed ecco verso noi venir per nave
un vecchio, bianco per antico pelo,
gridando: "Guai a voi, anime prave!  »

Dante così descriveva Caronte, quel Caronte che a breve trasporterà tutti noi nel pieno della rovente estate.
Armato di cellulare e buona volontà e tanto amore per la città che ti ospita, decidi di proseguir nel cammino infernale in quel girone del degrado vivo e vegeto in Trieste; dopo l'intervento Trieste in pieno degrado, alcuni perchè, ora è il momento di  Trieste nell'inferno dell'incuria.

Percorri la Riva Tommaso Gulli e noterai una piccola madonnina incastonata nel possente muro del Palazzo che domina buona parte di questa via.

Tra Riva Grumula e via Ottaviano Augusto, via la cui targa indicante il nome di questa strada è a dir poco illeggibile
ecco incrociar l'ennesimo degrado cittadino.

Bottiglie abbandonate ovunque, eppure nell'atto di scattare ed immortalare queste foto, avevo appena incrociato una scolaresca. Poveri bambini.

Decidi allora di rincuorar la tua indignazione con le acque del mare innanzi alla via Ottaviano Augusto.
Ma non crederai ai tuoi occhi.
Acque trasparenti, talmente trasparenti che permettono di veder bene il fondale.
Ed ecco la prevista sorpresa.

Carrelli, copertoni, segnali stradali, blocchi di cemento ed anche una batteria di qualche auto.
Vedrai un turista allargare le braccia mentre scatterai queste foto.
Cammini.
Cammini sino alle spalle del museo Ferroviario di Campo Marzio.
Tra vagoni abbandonati, auto abbandonate, e solito degrado ovunque, nell'area gestita dalle ferrovie,

decidi di rinfrescar il tuo corpo e la tua mente nella vicina Piazza Venezia.
Ma ahimè anche qui la solita incuria non manca mica.


 Eppur Trieste è così bella.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto