Passa ai contenuti principali

Spegnere una sigaretta in Croazia



La Croazia è un paese che ha vissuto enormi speculazioni edilizie.
Vedrai il cemento arrivar sulle rive che costeggiano il selvaggio mare.
Ma in tale terra dalle strade che tra covoni e ulivi ti conducono verso il meraviglioso mare noterai e vivrai situazioni particolari.
Per esempio ti capiterà di pagare in euro e ricevere il resto in kune, la moneta locale, mangiare la pizza con il formaggio e non con la canonica mozzarella, leggerai i menù in inglese e croato ma ordinerai in italiano.
Piccole cose che possono lasciarti indifferente oppur far sorgere alcuni pensieri.
Per esempio incontrare vari cestini ove spegnere la sigaretta con scritto Getta qui le sigarette, in Italiano e con il richiamo della normativa italiana, il DL del 1997 n° 22.
Cestini ferrosi color giallo rossi, disseminati lungo quella Laguna ove interessi privati e pubblici si confondono nella gestione del bene comune.
Direte, nulla di eccezionale.
Forse si tratterà di cestini riciclati dall’Italia, forse ordinati direttamente dall’Italia.
Beh è come se in una città qualsiasi italiana i cestini ove spegnere le sigarette riportassero la dicitura, spegni qui la tua sigaretta,  in croato e con il richiamo della normativa croata.
Una piccolezza, una cosa da niente, ma che mi ha dato da riflettere.  Si potrebbe teorizzare che quel cestino è una sorta di effetto collaterale della globalizzazione che vede in terra croata  applicare indirettamente la legislazione italiana con tanto di dicitura in italiano.
Superi il confine e ti rechi verso Trieste e pensi alla battaglia che l'amministrazione comunale conduce contro i fumatori incivili.
Le multe contro coloro che gettano i mozziconi di sigaretta per terra continuano, ben 50 euro di sanzione amministrativa, il problema ove gettar i mozziconi di sigaretta si dimostra essere in realtà una cosa seria. I fumatori sono tanti, in centro i cestini certamente non mancheranno ma in periferia è impresa ardua trovar un contenitore ove spegnere e gettar la sigaretta appena fumata.
Altre piccole cose che dividono la città in due mondi, lì ove la legalità deve esser rispettata per  la tutela di quella solita apparenza  che deve attrarre, e lì ove tutto può accadere perché tanto i turisti certamente non si recheranno in periferia.
Piccole considerazioni in una giornata di piena estate.

Marco Barone il barbaro

Commenti

  1. è strano che poi, a Koper, se si cerca qualcuno che parla Italiano è come... cercare qualcuno che parli Cinese; il cambio lire/kune, quando c'erano ancora le lire, era molto favorevole alle kune. Per tacere del fatto che al confine di Rabuiese ti facevano presentare il passaporto come se andassi chissà dove...
    Strano rapporto quello tra due terre che distano pochi kilometri, ma se, alla stazione autobus di Ts, si chiedevano informazioni per andare "di là" poche se ne ottenevano...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…