Passa ai contenuti principali

Ma gli "esodati" dove sono?

 
Esodato.
Un termine tutto italiano, un termine che potenzialmente riguarda migliaia e migliaia di persone.
Si parla di lavoratori e lavoratici che a causa dell'innalzamento dell'età pensionabile e le contestuali modifiche per accedere al relativo trattamento previdenziale avevano firmato un accordo volontario con il datore di lavoro di messa in mobilità ma con la garanzia della tempestiva maturazione del diritto alla pensione, oppure di lavoratori che con età superiore ai 53 anni non hanno più trovato lavoro e non riescono ad accedere al trattamento pensionistico oppure coloro che hanno continuato a versare contributi volontari previdenziali con la speranza di accedere il prima possibile al trattamento pensionistico, ciò in base ai calcoli che erano maturati prima dell'entrata in vigore della disastrosa riforma delle pensione dell'attuale governo.
In molti casi si potrebbe eccepire la nullità o l'inefficacia sopravvenuta dell'accordo originario, poiché venendo meno la condizione giuridica e sostanziale che ha determinato l'uscita dal mondo del lavoro, l'accordo medesimo non ha più modo di essere visto e rilevato che non sussistono più le condizioni sostanziali che hanno indotto il lavoratore a conciliare la propria uscita dal mondo del lavoro, detto in poche parole dovrebbero ritornare al lavoro o chiedere la ripetizione dei contributi previdenziali .
Questo è solo un piccolo esempio di come i Professori che vorrebbero insegnare al Popolo come si norma, in realtà siano i primi ad errare proprio sulla pelle dei contraenti socialmente più deboli, i lavoratori e le lavoratrici.
Ma la mia riflessione però case nel merito di una questione sociale.
I lavoratori interessati dovrebbero essere consapevoli della condizione in cui vertono od in cui dovrebbero a breve incorrere, dovrebbero sapere di essere esodati.
Quelli che già sono stati espulsi dal mondo del lavoro, senza stipendio e pensione, quelli che a breve si troveranno senza reddito alcuno, e quelli che già sono senza reddito alcuno, dove sono?
A parte una manifestazione di piazza passata, di loro non vi è più traccia.
Dovrebbero invadere le strade delle città, dovrebbero farsi vedere, dovrebbero dire eccoci ci vedete? Siamo gli esodati.
Ora non solo sono esodati, ma sono anche invisibili.
Si parla di numeri e cifre, numeri e cifre che ricadono sulla vita di persone, di condizioni sociali incredibili eppure gli esodati sono esodati anche dalla piazza, perchè?
Perchè si aspetta che il sindacato concertativo o la politica concertativa faccia il  compitino della persona?
Delega?
La situazione di oggi non è figlia proprio di quella delega che ha determinato la condizione dell'esodato?
Io penso che oggi abbiamo esodato ogni dignità e voglia di lottare.
Un popolo in balia del vento funesto della demagogia del potere, opprimente ogni diritto, ogni speranza.
L'Italia è esodata nella prigione della schiavitù.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…