Passa ai contenuti principali

Ma gli "esodati" dove sono?

 
Esodato.
Un termine tutto italiano, un termine che potenzialmente riguarda migliaia e migliaia di persone.
Si parla di lavoratori e lavoratici che a causa dell'innalzamento dell'età pensionabile e le contestuali modifiche per accedere al relativo trattamento previdenziale avevano firmato un accordo volontario con il datore di lavoro di messa in mobilità ma con la garanzia della tempestiva maturazione del diritto alla pensione, oppure di lavoratori che con età superiore ai 53 anni non hanno più trovato lavoro e non riescono ad accedere al trattamento pensionistico oppure coloro che hanno continuato a versare contributi volontari previdenziali con la speranza di accedere il prima possibile al trattamento pensionistico, ciò in base ai calcoli che erano maturati prima dell'entrata in vigore della disastrosa riforma delle pensione dell'attuale governo.
In molti casi si potrebbe eccepire la nullità o l'inefficacia sopravvenuta dell'accordo originario, poiché venendo meno la condizione giuridica e sostanziale che ha determinato l'uscita dal mondo del lavoro, l'accordo medesimo non ha più modo di essere visto e rilevato che non sussistono più le condizioni sostanziali che hanno indotto il lavoratore a conciliare la propria uscita dal mondo del lavoro, detto in poche parole dovrebbero ritornare al lavoro o chiedere la ripetizione dei contributi previdenziali .
Questo è solo un piccolo esempio di come i Professori che vorrebbero insegnare al Popolo come si norma, in realtà siano i primi ad errare proprio sulla pelle dei contraenti socialmente più deboli, i lavoratori e le lavoratrici.
Ma la mia riflessione però case nel merito di una questione sociale.
I lavoratori interessati dovrebbero essere consapevoli della condizione in cui vertono od in cui dovrebbero a breve incorrere, dovrebbero sapere di essere esodati.
Quelli che già sono stati espulsi dal mondo del lavoro, senza stipendio e pensione, quelli che a breve si troveranno senza reddito alcuno, e quelli che già sono senza reddito alcuno, dove sono?
A parte una manifestazione di piazza passata, di loro non vi è più traccia.
Dovrebbero invadere le strade delle città, dovrebbero farsi vedere, dovrebbero dire eccoci ci vedete? Siamo gli esodati.
Ora non solo sono esodati, ma sono anche invisibili.
Si parla di numeri e cifre, numeri e cifre che ricadono sulla vita di persone, di condizioni sociali incredibili eppure gli esodati sono esodati anche dalla piazza, perchè?
Perchè si aspetta che il sindacato concertativo o la politica concertativa faccia il  compitino della persona?
Delega?
La situazione di oggi non è figlia proprio di quella delega che ha determinato la condizione dell'esodato?
Io penso che oggi abbiamo esodato ogni dignità e voglia di lottare.
Un popolo in balia del vento funesto della demagogia del potere, opprimente ogni diritto, ogni speranza.
L'Italia è esodata nella prigione della schiavitù.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto