Passa ai contenuti principali

Basket e Trieste, una esplosione di gioia


 
Una giornata afosa.
E' arrivato Scipione che conquista anche Trieste.
Cammini per le vie della Città Vecchia, sorseggi un caffè, ed all'improvviso ascolti un boato.
Goal.
L'Italia ha appena segnato contro la Croazia, partita che poi si concluderà con un pareggio.
Ma non guarderò la partita, in tal giornata ho deciso di recarmi al PalaTrieste per assistere all'incontro tra L'AcegasAps Trieste e la BLS Chieti, chi vince salirà il LegAdue.
Entrerà nel Basket professionistico.
L'evento è aperto alla Città, nessun biglietto da pagare.
L'incontro è previsto per le ore 21.00 ma decido di recarmi in anticipo, voglio vivere la sensazione dell'ante partita.
Vedrai un Palasport all'inizio con poche persone ed i giocatori riscaldarsi e rincorrere quella concentrazione che sarà determinante per lo svolgimento del match.



Ma il tempo in tal caso vola.
Non conosco le regole tutte del Basket.
Non so quanto durerà la partita, voglio semplicemente vivere l'emozione e la distrazione, per un giorno, che uno sport genuino, molto seguito in regione insieme ad altre attività considerate minori, come il Softball ad esempio, può offrirti e che ti offrirà.
Si avvicina l'ora calda.
Il PalaTrieste, come un fiume in perenne movimento, si riempirà.





Vedrai uomini e donne, di ogni età.
Tutte a tifare per Trieste.
Quasi 6000 persone che abbracceranno l'AcegasAps Trieste.
Entrano i giocatori.
Tanti fischi per i giocatori avversari.
La curva nord trascina il PalaTrieste ma anche la carta che verrà lanciata nel campo che dopo pochi secondi comporterà l'interruzione della partita.
Si riparte.
Comprendi sin dall'inizio che Trieste è carica.
Pur non conoscendo le regole di uno sport che seguirò, comprendi sul campo il funzionamento del gioco.
Un gioco semplice, veloce, faticoso e divertente.
Canestri da due punti a tre punti si alternano a canestri mancati.


Assisti a qualche fallo ma a tanta sportività tra i giocatori.
Nessuna simulazione.
Solo azione, azione per una vittoria che comporterà il grande salto nel Basket professionistico.
Tutti in piedi.
Si avvicina la fine della partita.
Mancano pochi minuti ed il vantaggio di Trieste è consistente.
Ed alla fine arriva, arriva il canestro atteso.
Quello che segnerà la linea di confine, tra il 68 di Trieste ed il 60 di Chieti, dal sogno sportivo che si realizza ed il nonostante tutto.
 E parte l'esplosione del PalaTrieste


video

 
Non conosco le regole, non conosco tante cose del Basket, ma in tal giornata invasa da Scipione e dal Calcio sempre più distante dall'essere gioco sportivo e sempre più realtà di lucro, ho condiviso una semplice emozione.
Quella emozione che anche in tempo di crisi e problemi vari con cui tutti ogni giorno dobbiamo confrontarci ed affrontate, il Basket è riuscita ad offrirti, e per poche ore ho pensato solo a questo.
Nulla di stravolgente, nulla di eccezionale, un canestro, una palla, agonismo libero e sincero, urla e fischi, e la vita continua con i suoi canonici ritmi, conflitti e libertà da conquistare.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

L'Italia continua ad essere maglia nera in Europa nel settore dell'istruzione, altro che buona scuola

I 22 paesi dell’UE membri dell’OCSE sono: Austria, Belgio, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Italia, Lettonia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica ceca, Repubblica slovacca, Regno Unito, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Il rapporto per il 2016 dell'OCSE   presentava, con riferimento all'Italia, un quadro deprimente. Tra gli obiettivi prioritari vi erano la necessità di invertire la tendenza negativa nel finanziamento dell’istruzione; di formare, motivare e rinnovare il corpo docente; di aumentare il numero degli studenti iscritti all’istruzione terziaria, in particolare ai programmi di ciclo breve a indirizzo professionalizzante per un accesso più facile al mondo del lavoro. Nell'arco temporale 2008/2014  la spesa per l’istruzione è diminuita significativamente. Nel 2013 la spesa totale (pubblica e privata) per l’istruzione è stata tra le più basse degli Stati presi in esame, ossia pari al4% del PIL rispet…