Passa ai contenuti principali

Basket e Trieste, una esplosione di gioia


 
Una giornata afosa.
E' arrivato Scipione che conquista anche Trieste.
Cammini per le vie della Città Vecchia, sorseggi un caffè, ed all'improvviso ascolti un boato.
Goal.
L'Italia ha appena segnato contro la Croazia, partita che poi si concluderà con un pareggio.
Ma non guarderò la partita, in tal giornata ho deciso di recarmi al PalaTrieste per assistere all'incontro tra L'AcegasAps Trieste e la BLS Chieti, chi vince salirà il LegAdue.
Entrerà nel Basket professionistico.
L'evento è aperto alla Città, nessun biglietto da pagare.
L'incontro è previsto per le ore 21.00 ma decido di recarmi in anticipo, voglio vivere la sensazione dell'ante partita.
Vedrai un Palasport all'inizio con poche persone ed i giocatori riscaldarsi e rincorrere quella concentrazione che sarà determinante per lo svolgimento del match.



Ma il tempo in tal caso vola.
Non conosco le regole tutte del Basket.
Non so quanto durerà la partita, voglio semplicemente vivere l'emozione e la distrazione, per un giorno, che uno sport genuino, molto seguito in regione insieme ad altre attività considerate minori, come il Softball ad esempio, può offrirti e che ti offrirà.
Si avvicina l'ora calda.
Il PalaTrieste, come un fiume in perenne movimento, si riempirà.





Vedrai uomini e donne, di ogni età.
Tutte a tifare per Trieste.
Quasi 6000 persone che abbracceranno l'AcegasAps Trieste.
Entrano i giocatori.
Tanti fischi per i giocatori avversari.
La curva nord trascina il PalaTrieste ma anche la carta che verrà lanciata nel campo che dopo pochi secondi comporterà l'interruzione della partita.
Si riparte.
Comprendi sin dall'inizio che Trieste è carica.
Pur non conoscendo le regole di uno sport che seguirò, comprendi sul campo il funzionamento del gioco.
Un gioco semplice, veloce, faticoso e divertente.
Canestri da due punti a tre punti si alternano a canestri mancati.


Assisti a qualche fallo ma a tanta sportività tra i giocatori.
Nessuna simulazione.
Solo azione, azione per una vittoria che comporterà il grande salto nel Basket professionistico.
Tutti in piedi.
Si avvicina la fine della partita.
Mancano pochi minuti ed il vantaggio di Trieste è consistente.
Ed alla fine arriva, arriva il canestro atteso.
Quello che segnerà la linea di confine, tra il 68 di Trieste ed il 60 di Chieti, dal sogno sportivo che si realizza ed il nonostante tutto.
 E parte l'esplosione del PalaTrieste



 
Non conosco le regole, non conosco tante cose del Basket, ma in tal giornata invasa da Scipione e dal Calcio sempre più distante dall'essere gioco sportivo e sempre più realtà di lucro, ho condiviso una semplice emozione.
Quella emozione che anche in tempo di crisi e problemi vari con cui tutti ogni giorno dobbiamo confrontarci ed affrontate, il Basket è riuscita ad offrirti, e per poche ore ho pensato solo a questo.
Nulla di stravolgente, nulla di eccezionale, un canestro, una palla, agonismo libero e sincero, urla e fischi, e la vita continua con i suoi canonici ritmi, conflitti e libertà da conquistare.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…