Passa ai contenuti principali

Risposta alla lettera aperta di Roberto Saviano.

Risposta alla lettera di Roberto Saviano

Caro Roberto Saviano.
Mi rivolgerò a lei conferendole del lei, perchè il tu lo posso solo dare ai compagni  di lotta.
Rispondo alla sua lettera pubblicata oggi su repubblica.it, sì alla sua lettera aperta rivolta al movimento di Roma del 14 dicembre 2010.

Sì, a quelle persone, uomini e donne, che lottano a rischio anche della propria incolumità psicofisica per riportare la libertà vera e non demagocica nel nostro paese.
Paese ove regna una dittatura celata dal velo della democrazia.
Riprenderò alcuni passi della Sua lettera modificandone anche il contenuto in alcuni casi.

CHI LA LANCIATO un sasso alla manifestazione di Roma lo ha lanciato per i movimenti di donne e uomini che erano in piazza, chi ha assaltato un bancomat lo ha fatto  per coloro che stavano manifestando per dimostrare che vogliono un nuovo paese, una nuova classe politica, nuove idee.

Ogni gesto violento è stato un voto di sfiducia in più dato al governo Berlusconi. I caschi, le mazze, i veicoli bruciati, le sciarpe a coprire i visi: tutto questo  appartiene a chi sta cercando in ogni modo di mostrare un'altra Italia.
Una Italia che non tollera più gli abusi di potere, il nepotismo, il clientelismo il potere vigente.


I passamontagna, i sampietrini, le vetrine che vanno in frantumi,   sono anche  l' espressione di quella violenza coltivata dalla ingiustizia perenne presente nella società non solo italiana ma anche tutta. 

Poliziotti che si accaniscono in manipolo, sfogando su chi è inciampato rabbia, frustrazione e paura: è una scena che non deve più accadere. Poliziotti isolati sbattuti a terra e pestati da manipoli di violenti: è una scena che non deve più accadere. 
Manipoli di agenti provocatori caro Roberto Saviano.
Il poliziotto ha scelto un lavoro difficile ed oggi giorno grazie soprattutto alla formazione militare che hanno alle spalle, perchè come ben lei saprà, i poliziotti non vengono più arruolati con i vecchi sistemi, ma devono passare obbligatoriamente dalla vita militare prima di tentare il passaggio in polizia, ciò lascia ben intendere perchè la polizia italiana è violenta e non è piú quella di una volta, come si diceva che era letteralmente al servizio del cittadino, oggi ciò lo si deve porre ancor di più in discussione.

Quindi, riprendendo la sua lettera, se tutto si riduce alla solita guerra in strada, questo governo ha vinto ancora una volta. Infatti, nessuno vuole la guerra di strada, nessuno vuole la violenza, la violenza la si patisce, subisce giorno dopo giorno ed è chiaro che prima o poi la situazione debba esplodere caro Saviano.

Secondo lei, ridurre tutto a scontro vuol dire permettere che la complessità di quelle manifestazioni e così le idee, le scelte, i progetti che ci sono dietro vengano raccontate ancora una volta con manganelli, fiamme, pietre e lacrimogeni. Bisognerà organizzarsi, e non permettere mai più che poche centinaia di idioti egemonizzino un corteo di migliaia e migliaia di persone. Pregiudicandolo, rovinandolo.

Se idioti esistevano in quella manifestazione, questi erano certamente chi ha volutamente provocato gli scontri e non chi ha praticato resistenza;  penso ad esempio agli agenti provocatori e non chi si è difeso nella pratica della resistenza di piazza. Perchè caro Saviano se lei non lo ha ancora compreso, in questo paese esiste una dittatura. Si rende conto  che esiste un governo che non ha legittimità popolare, che in  Italia non esiste piú la sovranità popolare?
Che poche persone espressione della classe dirigente padronale determinano l'esistenza sociale di milioni di cittadini italiani? Caro Saviano come tollerare ancora ciò?Cosa pretende che si scenda in piazza con le rose? Con i fiori? E' più che normale che il sistema imploda; è più che naturale che il 14 dicembre vi sia stata, quindi, una esplosione di piazza.
Certo nessuno vuole giustificare le violenze ma certamente tutto ha una causa e tutto ha un suo naturale ed inevitabile effetto. E non credo che quelle violenze abbiano celato il resto della manifestazione, anzi.
La eterogeneità della espressione del movimento è una esternazione della forza del movimento stesso e non una sua debolezza.


Condivido quando lei scrive " Scrivo questa lettera ai ragazzi, molti sono miei coetanei, che stanno occupando le università, che stanno manifestando nelle strade d'Italia. Alle persone che hanno in questi giorni fatto cortei pieni di vita, pacifici, democratici, pieni di vita. Mi si dirà: e la rabbia dove la metti? La rabbia di tutti i giorni dei precari, la rabbia di chi non arriva a fine mese e aspetta da vent'anni che qualcosa nella propria vita cambi, la rabbia di chi non vede un futuro. Beh quella rabbia, quella vera, è una caldaia piena che ti fa andare avanti, che ti tiene desto, che non ti fa fare stupidaggini ma ti spinge a fare cose serie, scelte importanti".

Ad un certo punto  lei  dice che così inizia la nuova strategia della tensione, che è sempre la stessa: com'è possibile non riconoscerla? Com'è possibile non riconoscerne le premesse, sempre uguali? E dice anche  che quegli incappucciati sono i primi nemici da isolare. Il "blocco nero" o come diavolo vengono chiamati questi ultrà del caos è il pompiere del movimento. Calzano il passamontagna, si sentono tanto il Subcomandante Marcos, terrorizzano gli altri studenti, che in piazza Venezia urlavano di smetterla, di fermarsi, e trasformano in uno scontro tra manganelli quello che invece è uno scontro tra idee, forze sociali, progetti le cui scintille non devono incendiare macchine ma coscienze, molto più pericolose di una torre di fumo che un estintore spegne in qualche secondo.

Ma come si può ricondurre la strategia della tensione al blocco nero?A chi quel giorno ha resistito?
Certo le provocazioni ci sono, e ciò lo denuncio da tempo.
L'attentanto finto a Belpietro, le finte lettere di minaccia delle br, l'invocare continuamente il morto, non mi sembra che sia opera del blocco nero.
Così come non mi sembra che gli infiltrati ed agenti provocatori che sono i primi ad aver definito il caos a Roma siano il blocco nero.
La strategia della tensione figlia della scuola di Kossiga, è voluta e praticata in via unilaterale dai governanti.
E noi caro Saviano? Dobbiamo continuare a subire?
Ci rifletta bene prima di sparare a zero, ci rifletta bene prima di condannare tutti coloro che hanno deciso di esternare la loro rabbia in modo libero , sponanteo ed anche violento.
Ma parliamo di violenza come reazione alla violenza di stato nello Stato subito sino ad oggi.

La diatriba su violenza si violenza no ha comportato la fine della Rifondazione Comunista, del social forum, dei movimenti di lotta;  il suo "nobile" tentativo di dividere ancora il movimento non funzionerà.
La corrente violenta, se così possiamo definirla, con quella non violenta, possono lottare insieme non devono necessariamente escludersi. Si tratta di violenza difensiva. Si tratta di resistenza. Tutto deve essere contestualizzato.

"Noi, e mi ci metto anche io fosse solo per età e per  -  Dio solo sa la voglia di poter tornare a manifestare un giorno contro tutto quello che sta accadendo  -  abbiamo i nostri corpi, le nostre parole, i colori, le bandiere. Nuove: non i vecchi slogan, non i soliti camion con i vecchi militanti che urlano vecchi slogan, vecchie canzoni, vecchie direttive che ancora chiamano "parole d'ordine". Questa era la storia sconfitta degli autonomi, una storia passata per fortuna".  Questo è quanto sostiene in altro passaggio della sua missiva pubblica.

Primo da ateo non invoco nessun Dio, e tantomeno il suo Dio. Ma comprendo le sue difficoltà dovute al vivere sottoscorta, alla privazione della libertà personale per aver scelto in modo forte di denunciare la camorra. Ed in ciò sono solidale a chiunque venga privato della libertà personale per aver lottato contro il sistema mafioso.

Ma, ritornando alla sua lettera, mi viene spontaneo e con tanto senso di rabbia dire chi è lei per dire che gli slogan e le parole d'ordine sono superate? Chi è lei per dire che la vicenda degli autonomi deve reputarsi come superata per fortuna?
Le sofferenze che vivono i compagni di lotta, lo sfruttamento che vive l'operaio, il lavoratore, il senso di oppressione che vive l'uomo schiavo del lavoro e del potere, il sistema capitalistico che determina l'esistente, lei Saviano conosce ciò?
No. Non conosce ciò, e non può permettersi di giudicare storia e sofferenze di compagni che hanno sacrificato anche la loro vita per le loro idee, idee di altra società che non sono mai morte e mai moriranno.
Mai.
Il sistema in cui lottiamo è sempre lo stesso. Gli slogan sono validi e vivi perchè vivo è il sistema che combattiamo.

Il capitalismo.

Lei Saviano gode di un grande potere mediatico di comunicazione e le sue parole lasceranno riflettere, discutere e offriranno anche grande indignazione.


Non bisogna più cadere in trappola.  Bisognerà organizzarsi, allontanare i violenti. Bisognerebbe smettere di indossare caschi. La testa serve per pensare, non per fare l'ariete. I book block mi sembrano una risposta meravigliosa a chi in tuta nera si dice anarchico senza sapere cos'è l'anarchismo neanche lontanamente.

Lei Saviano cosa conosce dell'anarchismo? Cosa conosce della resistenza?
Ma di cosa stupirsi d'altronde lei simpatizza per quello che è dato conoscere  per Ernst Jünger, Ezra Pound, Louis Ferdinand Celine, Carl Schmitt.


Sempre nella sua lettera si legge che:
 "Non copritevi, lasciatelo fare agli altri: sfilate con la luce in faccia e la schiena dritta. Si nasconde chi ha vergogna di quello che sta facendo, chi non è in grado di vedere il proprio futuro e non difende il proprio diritto allo studio, alla ricerca, al lavoro".

Quando la polizia non indosserà più i caschi, o quanto meno caschi senza codice d'identificazione, quando non scenderà in piazza con pistole e manganelli, quando vi sarà parità di condizione nello "scontro" di piazza, allora solo in quel momento si potrà sostenere ciòche lei dice. Chi si copre non lo fa certamente per vergogna, ma per tutelarsi dalla repressione.

E per concludere lei dice che:
 "E se le camionette bloccano la strada prima del Parlamento? Ci si ferma lì, perché le parole stanno arrivando in tutto il mondo, perché si manifesta per mostrare al Paese, a chi magari è a casa, ai balconi, dietro le persiane che ci sono diritti da difendere, che c'è chi li difende anche per loro, che c'è chi garantisce che tutto si svolgerà in maniera civile, pacifica e democratica perché è questa l'Italia che si vuole costruire, perché è per questo che si sta manifestando. Non certo lanciare un uovo sulla porta del Parlamento muta le cose.
Tutto questo è molto più che bruciare una camionetta. Accende luci, luci su tutte le ombre di questo paese. Questa è l'unica battaglia che non possiamo perdere".

Il problema è proprio questo caro Saviano, che le camionette bloccano la strada prima del Parlamento. In uno Stato libero, democratico, che rappresenta la volontà popolare, ciò non accadrebbe. E se in Italia ciò accade è perchè non è uno Stato libero e democratico; ed ognuno  allora deve essere libero di esternare la propria rabbia per il sistema,  di urlare al mondo il proprio grido di dolore verso l'ingiustizia presente e passata, di protestare, di resistere.
Perchè caro Saviano, a parte il discorso infiltrati, agenti provocatori, ultras e tanto altro, quello che si è visto a Roma è stata una forma di resistenza verso l'abuso di potere esercitato dai governanti.
Perchè caro Saviano la democrazia in questo paese è a rischio.
Perchè caro Saviano, la  repressione preventiva in questo paese è forte , è pressante e le parole sono importanti ma come ben saprà non esiste libertà d'informazione, i media sono controllati, la grande stampa è controllata, ed allora è più che evidente che alla fine dei conti se l'unico modo per farsi ascoltare è quello di essere violenti, ciò deve essere valutato, compreso nell'ottica di quello che succede in Italia dai tempi della prima Repubblica ad oggi.


Cordialmente

Marco Barone

Commenti

  1. bella Marco! ma capirà chi vende la propria presunta onestà intellettuale e civile alla testata più forcaiola del panorama editoriale italiano degli ultimi 20 anni?

    adelante companero
    Andy

    RispondiElimina
  2. Un tizio palesemente arrivista come lui dovrebbe essere ridimensionato piuttosto che adulato.
    Saviano scrive lettere come se fosse San Paolo [ai Corinzi - che poi, gli avranno mai risposto ?] ; ma lungi da essere santo ed illuminato, sfrutta la notorietá concessagli (con zelo eccessivo da parte dei media) per promuovere se stesso.
    Infatti in quello che scrive o dice, il pronome da lui preferito è sempre ‘io’.
    Diventa quindi chiaro che nel proporre le sue idee lo scopo finale è quello di compiacere la massa (a volte scarsa di comprendonio) piuttosto che svegliarla con idee che, seppur controverse, siano giuste, necessarie, coerenti ed esplicite.
    Per questo non si azzarda a menzionare eventi storici come la Resistenza, anche se oggi, esaurite tutte le alternative, ci sarebbe gran bisogno di un’azione simile.
    No; non si sente di rischiare la sua popolaritá; fare l’onda, si sa, non giova alla carriera. Quindi preferisce andare sul generico e lo scontato. D’altra parte che cosa ci si può aspettare da un coraggioso come lui ?
    In tutto questo c’è una certa disonestá morale che alla fine confonde le idee e fá solo danno.
    Per me, Saviano - che probabilmente conosce bene il detto "cummanare è megghiu ca futtere" - mira solo al potere.
    Vista la sua faccia mesta da Cristo Pasoliniano, gli gioverebbe non poco farsi qualche bella e vigorosa trombata una volta ogni tanto e lasciar perdere di anelare a un seggio in Parlamento.

    Publio Elio Greculo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…