Passa ai contenuti principali

Rinviata l'approvazione della riforma dell'Università.

Importante comunicato giunge dalla  seduta n. 267 di Giovedì 16 dicembre 2010  in merito alla definitiva approvazione della Riforma dell'università.
Da quanto pare comprendere il testo definitivo, in relazione agli emendamenti presentati dall'opposizione, non verrà approvato e quindi discusso in tempo per le festività natalizie e probabilmente il voto verrà rinviato a data da definirsi nell'anno entrante.

Ciò può essere valutato come tentativo congiunto di calmare le acque in termini di conflitto sociale visto gli eventi del 14 dicembre ed il risvegliarsi dello scontro di piazza e della coscienza critica collettiva?
Coincidenza vuole che la sede di Forza Nuova nel centro di  Milano non venga inaugurata una decisione spiega all'Adnkronos il portavoce, Marco Mantovani, «che nasce dopo un confronto con le associazioni dei commercianti e dopo alcune indicazioni ricevute dal ministero dell'Interno»; «un gesto di reponsabilità per evitare che Milano venga messa a ferro e fuoco come Roma. Non è la vittoria dell'antifascismo militante, ma la vittoria del buon senso».

Sarà che dietro la parola buon senso si celi altro? Paura? Temono il risveglio del conflitto sociale?

Lasciandovi con questo dilemma ora segue il comunicato della settima Commissione del Senato della Repubblica.

In sede referente la Commissione ha proseguito l'esame del disegno di legge n. 1905-B riguardante norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l'efficienza del sistema universitario, come modificato dalla Camera dei deputati. A un intervento sull'ordine dei lavori del senatore Rusconi, a cui si è associato il senatore Pardi, ha risposto il Presidente. Anche la senatrice Mariapia Garavaglia è intervenuta sull'ordine dei lavori. In sede di illustrazione degli emendamenti all'articolo 2 sono intervenuti i senatori Bastico, Procacci, Vita, Pardi, Mariapia Garavaglia, Anna Maria Serafini, Vittoria Franco, Adamo e Rusconi. Conclusa l'illustrazione dgli emendamenti all'articolo 2 ha preso la parola il ministro Gelmini. Dopo un intervento del senatore Rusconi il relatore Valditara ha espresso parere contrario sui predetti emendamenti. Si è associato il sottosegretario Viceconte. La Commissione è indi passata alle votazioni. Sono stati respinti gli emendamenti 2.1, 2.2, 2.3, 2.4, 2.5 nonché gli identici emendamenti 2.7, 2.8, 2.9, 2.10 e 2.11. E' stato respinto anche il 2.12, mentre il 2.6 è ritirato. Sull'ordine dei lavori sono intervenuti i senatori Asciutti, Rusconi, Giambrone, Valditara nonché il sottosegretario Viceconte. Ha risposto infine il Presidente, comunicando che la Commissione non sarebbe stata in grado di concludere l'esame in sede referente in tempo utile per l'inizio dell'esame in Assemblea, prevista per lunedì 20 dicembre alle ore 11. Il seguito dell'esame è stato pertanto rinviato. Il Presidente ha conseguentemente comunicato che la seduta notturna di oggi alle ore 20.30 e quella antimeridiana di domani 17 dicembre alle ore 9 sono state sconvocate.
fonte: 
http://www.senato.it/commissioni/4569/1691/152824/277166/302926/schedasedutacommissione.htm
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…