Passa ai contenuti principali

Rinviata l'approvazione della riforma dell'Università.

Importante comunicato giunge dalla  seduta n. 267 di Giovedì 16 dicembre 2010  in merito alla definitiva approvazione della Riforma dell'università.
Da quanto pare comprendere il testo definitivo, in relazione agli emendamenti presentati dall'opposizione, non verrà approvato e quindi discusso in tempo per le festività natalizie e probabilmente il voto verrà rinviato a data da definirsi nell'anno entrante.

Ciò può essere valutato come tentativo congiunto di calmare le acque in termini di conflitto sociale visto gli eventi del 14 dicembre ed il risvegliarsi dello scontro di piazza e della coscienza critica collettiva?
Coincidenza vuole che la sede di Forza Nuova nel centro di  Milano non venga inaugurata una decisione spiega all'Adnkronos il portavoce, Marco Mantovani, «che nasce dopo un confronto con le associazioni dei commercianti e dopo alcune indicazioni ricevute dal ministero dell'Interno»; «un gesto di reponsabilità per evitare che Milano venga messa a ferro e fuoco come Roma. Non è la vittoria dell'antifascismo militante, ma la vittoria del buon senso».

Sarà che dietro la parola buon senso si celi altro? Paura? Temono il risveglio del conflitto sociale?

Lasciandovi con questo dilemma ora segue il comunicato della settima Commissione del Senato della Repubblica.

In sede referente la Commissione ha proseguito l'esame del disegno di legge n. 1905-B riguardante norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l'efficienza del sistema universitario, come modificato dalla Camera dei deputati. A un intervento sull'ordine dei lavori del senatore Rusconi, a cui si è associato il senatore Pardi, ha risposto il Presidente. Anche la senatrice Mariapia Garavaglia è intervenuta sull'ordine dei lavori. In sede di illustrazione degli emendamenti all'articolo 2 sono intervenuti i senatori Bastico, Procacci, Vita, Pardi, Mariapia Garavaglia, Anna Maria Serafini, Vittoria Franco, Adamo e Rusconi. Conclusa l'illustrazione dgli emendamenti all'articolo 2 ha preso la parola il ministro Gelmini. Dopo un intervento del senatore Rusconi il relatore Valditara ha espresso parere contrario sui predetti emendamenti. Si è associato il sottosegretario Viceconte. La Commissione è indi passata alle votazioni. Sono stati respinti gli emendamenti 2.1, 2.2, 2.3, 2.4, 2.5 nonché gli identici emendamenti 2.7, 2.8, 2.9, 2.10 e 2.11. E' stato respinto anche il 2.12, mentre il 2.6 è ritirato. Sull'ordine dei lavori sono intervenuti i senatori Asciutti, Rusconi, Giambrone, Valditara nonché il sottosegretario Viceconte. Ha risposto infine il Presidente, comunicando che la Commissione non sarebbe stata in grado di concludere l'esame in sede referente in tempo utile per l'inizio dell'esame in Assemblea, prevista per lunedì 20 dicembre alle ore 11. Il seguito dell'esame è stato pertanto rinviato. Il Presidente ha conseguentemente comunicato che la seduta notturna di oggi alle ore 20.30 e quella antimeridiana di domani 17 dicembre alle ore 9 sono state sconvocate.
fonte: 
http://www.senato.it/commissioni/4569/1691/152824/277166/302926/schedasedutacommissione.htm
Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…