Passa ai contenuti principali

Quanto sei bella Italia. Bloccato il Banco Emiliano Romagnolo.

L'attenzione in queste ore nel bel paese è dirottata dai media e stampa nazionale sul balletto politico più comico e tragico che sia mai esistito dai tempi della Prima Repubblica ad oggi.

Fiducia si, fiducia no, fiducia ni.

Si potrebbe quasi quasi comporre una canzone sul punto.
Già la vedo  in vetta nelle principali classifiche delle hit parade musicali di tutto il mondo.

Italia.

Passeggio in una delle tante, infinite, librerie sparse per la città; sì perchè nelle librerie si può anche passeggiare, guardare le copertine dei libri, respirare aria di cultura, rilassare la propria mente e tutti i sensi materiali e non del proprio corpo.

Ecco che passeggiando in una di queste librerie, enorme,immensa, colorata, un vero labirinto culturale, intravedo, ancora e per l'ennesima volta un libro sulla Calabria. Un libro che parla di 'ndrangheta.
Ancora?
Sì, ancora.
Ed allora dico, parlare di Calabria va bene, parlare di 'ndrangheta è necessario, ma per una volta, dico solo per una volta, vorrei parlare della Calabria bella, dell'Italia bella.

Bellezza, cosa è la bellezza?
Ciò che regala, offre piacere edonistico al nostro essere mortali.
Ciò che colora quella  linea di confine tra l'esser mortali ed il perdurante sogno della immortalità.

Ed allora pensiamo alla bella Italia.
Mentre provo a pensare a cosa scrivere sulla bella Italia, e le cose non mancano certamente, penso all'arte gastronomica, alla cultura,alla natura, al teatro, ai lavoratori, a chi lotta per evitare che l'Italia divenga l'Isola felice per pochi capitalisti massonici che si richiamano agli ideali risorgimentali, al concetto di patria, di unità, di campanili  e campanilismi e tradizionalismo opportunistico, ecco che all'improvviso scorre innanzi al mio sguardo una notizia oscurata, celata, nascosta,una notizia che non si deve far notare, leggere.

Un lungo, intenso, infinito attimo di silenzio.

Non penso.

Leggo.

Con provvedimento della Banca d'Italia il 6 dicembre 2010 è stata bloccata l'operatività del BANCO EMILIANO ROMAGNOLO.
.
In data 6 dicembre 2010 i Commissari straordinari del Banco Emiliano Romagnolo “BER” (BO), in amministrazione straordinaria, con il parere favorevole del Comitato di Sorveglianza e previa autorizzazione della Banca d’Italia, hanno deliberato la sospensione del pagamento delle passività di qualsiasi genere e della restituzione degli strumenti finanziari alla clientela, ai sensi dell’art. 74 del d.lgs. 1° settembre 1993, n. 385 (TUB), per il periodo massimo di un mese, fatte salve eventuali proroghe.  Questo è quanto si legge in una nota di Bakitalia.

Cioè praticamente sono stati bloccati tutti i conti correnti delle clientela (RID, tasse F24, bollette, pagamenti a fornitori etc etc) edi risparmi dei privati.
La Banca d'Italia parla di "circostanze eccezionali" e "insufficienza delle disponibilità liquide a far fronte alle passività in scadenza".

Ma le nostre,ops le loro, banche non erano sicure?
Il caso Banco Emiliano Romagnolo è solo un caso come dire isolato o in realtà dietro si cela ben altro?

Italia, Italia,Italia, quanto sei bella Italia, quanto ti amo Italia, quanto sei devastata nel tuo nobile animo

proletario Italia.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Nova Gorica interrompa i rapporti con Gorizia

Non è la prima volta e non sarà forse neanche l'ultima volta che Gorizia e l'Italia dovranno vivere un sabato nero. Ricevere certi nostalgici è un qualcosa di veramente incomprensibile che continua a trovare spazio e legittimazione in una zona di confine come questa che ha conosciuto più che altrove le barbarie compiute soprattutto contro gli sloveni. Non è un caso che anche Gorizia ha avuto il suo Narodni dom. Il 4 novembre del 1926, sei anni dopo l'incendio del Narodni dom,un manipolo di fascisti, festeggiando la Celebrazione della vittoria, entrarono violentemente nelle sale del Trgovski Dom, gettando in cortile libri, mobili, oggetti, tutto quello che si poteva gettare venne gettato via fino a costituire un mucchio da bruciare. E bruciarono libri, documenti, mobili,oggetti, simboli, bruciarono l'identità slovena, il riscatto sloveno, tra una folla di cittadini che osservava anche applaudendo ed inneggiando Viva l'Italia. E' inaccettabile che nella Repubbli…

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Crisi Eaton Monfalcone un fronte unico per mantenere lo stabilimento

Nel consiglio comunale straordinario di Monfalcone, convocato per la questione Eaton, sono emerse con estrema chiarezza alcuni punti fermi per i lavoratori, forse non molto fermi per una certa politica. E' emerso con evidenza la necessità di essere tutti uniti, che ognuno faccia il proprio dovere nei limiti delle proprie possibilità e funzioni, perchè a Monfalcone la "crisi" Eaton intendendosi per crisi la scelta unilaterale aziendale di chiudere baracca per andare altrove, è effettivamente un qualcosa che ancora non è stato forse compreso bene da tutti dove può portare.  Quando si dice che oltre 200 famiglie andranno in condizione di povertà, di precarietà totale, che si aggiungeranno già ad altre migliaia di famiglie senza lavoro, in una provincia maglia nera per l'occupazione, quale quella goriziana, significa dire che la situazione effettivamente ha delle potenzialità implosive ed esplosive sociali enormi. Quella fabbrica ha una storia di lotte importanti nel m…