Passa ai contenuti principali

Quanto sei bella Italia. Bloccato il Banco Emiliano Romagnolo.

L'attenzione in queste ore nel bel paese è dirottata dai media e stampa nazionale sul balletto politico più comico e tragico che sia mai esistito dai tempi della Prima Repubblica ad oggi.

Fiducia si, fiducia no, fiducia ni.

Si potrebbe quasi quasi comporre una canzone sul punto.
Già la vedo  in vetta nelle principali classifiche delle hit parade musicali di tutto il mondo.

Italia.

Passeggio in una delle tante, infinite, librerie sparse per la città; sì perchè nelle librerie si può anche passeggiare, guardare le copertine dei libri, respirare aria di cultura, rilassare la propria mente e tutti i sensi materiali e non del proprio corpo.

Ecco che passeggiando in una di queste librerie, enorme,immensa, colorata, un vero labirinto culturale, intravedo, ancora e per l'ennesima volta un libro sulla Calabria. Un libro che parla di 'ndrangheta.
Ancora?
Sì, ancora.
Ed allora dico, parlare di Calabria va bene, parlare di 'ndrangheta è necessario, ma per una volta, dico solo per una volta, vorrei parlare della Calabria bella, dell'Italia bella.

Bellezza, cosa è la bellezza?
Ciò che regala, offre piacere edonistico al nostro essere mortali.
Ciò che colora quella  linea di confine tra l'esser mortali ed il perdurante sogno della immortalità.

Ed allora pensiamo alla bella Italia.
Mentre provo a pensare a cosa scrivere sulla bella Italia, e le cose non mancano certamente, penso all'arte gastronomica, alla cultura,alla natura, al teatro, ai lavoratori, a chi lotta per evitare che l'Italia divenga l'Isola felice per pochi capitalisti massonici che si richiamano agli ideali risorgimentali, al concetto di patria, di unità, di campanili  e campanilismi e tradizionalismo opportunistico, ecco che all'improvviso scorre innanzi al mio sguardo una notizia oscurata, celata, nascosta,una notizia che non si deve far notare, leggere.

Un lungo, intenso, infinito attimo di silenzio.

Non penso.

Leggo.

Con provvedimento della Banca d'Italia il 6 dicembre 2010 è stata bloccata l'operatività del BANCO EMILIANO ROMAGNOLO.
.
In data 6 dicembre 2010 i Commissari straordinari del Banco Emiliano Romagnolo “BER” (BO), in amministrazione straordinaria, con il parere favorevole del Comitato di Sorveglianza e previa autorizzazione della Banca d’Italia, hanno deliberato la sospensione del pagamento delle passività di qualsiasi genere e della restituzione degli strumenti finanziari alla clientela, ai sensi dell’art. 74 del d.lgs. 1° settembre 1993, n. 385 (TUB), per il periodo massimo di un mese, fatte salve eventuali proroghe.  Questo è quanto si legge in una nota di Bakitalia.

Cioè praticamente sono stati bloccati tutti i conti correnti delle clientela (RID, tasse F24, bollette, pagamenti a fornitori etc etc) edi risparmi dei privati.
La Banca d'Italia parla di "circostanze eccezionali" e "insufficienza delle disponibilità liquide a far fronte alle passività in scadenza".

Ma le nostre,ops le loro, banche non erano sicure?
Il caso Banco Emiliano Romagnolo è solo un caso come dire isolato o in realtà dietro si cela ben altro?

Italia, Italia,Italia, quanto sei bella Italia, quanto ti amo Italia, quanto sei devastata nel tuo nobile animo

proletario Italia.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

A Trieste chiude la libreria indipendente IN DER TAT, Davide questa volta ha perso contro Golia

"IN DER TAT“, prendendo in prestito un concetto che il filosofo Hegel riferiva alla cultura, significa in atto, in evoluzione. E’ per questo motivo che l’abbiamo scelto come nome per la nostra libreria, proprio perché pensiamo alla cultura come qualcosa in continuo mutamento(...)". Questo è quello che leggi nel sito di questa libreria, situata nella zona Cavana di Trieste, non più un bordello ottocentesco, ma un rione oramai destinato ad essere fashion, riqualificato, perfetto, una vetrina nella vetrina di Trieste, che ha snaturato la sua storia, che forse viene ricordata dalla statua di Svevo, niente di più. Una libreria che ha segnato per anni ed anni la storia di questo rione, un punto di riferimento culturale, sociale per triestini e non, appuntamenti di gran rilievo, dibattiti e confronti su più materie, i libri prendevano forma, vita attraverso anche gli incontri, le relazioni. Una libreria relazionale. Con il vecchio libraio o vecchia libraia, non per questione ana…