Passa ai contenuti principali

Passeggiando dopo il 14 dicembre.

Temperature glaciali avvolgono questa Bologna in tale giornata pienamente invernale.
Dopo intensa attività di lavoro tipico ed atipico quotidiano decidi di rientrare tra quelle mura che accoglieranno il tuo sonno solitario,attraversando vie secondarie, vie dormienti, vie illuminate dalla voce del silenzio notturno.
Freddo.
Tanto freddo evade dal pozzo dell'oblio per purificare l'aria inquinata dal potere.
Provo a congelare anche la mia mente.

Ti trovi sul ponte San Donato e pensi quanti santi in questo Paese? Quante vie, strade, piazze e paesi son dedicate ai santi?

Ecco che lentamente, sì con quella lentezza propria del risveglio della natura dopo un lungo dormir invernale, notare, osservare, ammirare un treno che conduce via lontano per qualche meta indefinita i pensieri vaganti dentro delle semplici, vecchie e sporche lamiere.

Pensi.

Pensi al 14 dicembre. 

A come la volontà popolare non abbia rappresentanza.

A come quei dittatori festeggiano ,cantando l'inno nazionale, i tre disgustosi voti per sostenere la loro legittimità di governare.

Ma governare chi? 
Certamente non l'interesse pubblico e collettivo.
No. 
Loro governano solo pochi e definiti interessi.

Pensi all'esplosione di piazza.

Ai ragazzi feriti, alle forze dell'ordine che prima dicono che in occasione di ordine pubblico non ricorrono ad agenti in borghese, e poi smentiscono e viceversa.

Pensi alla realtà che meglio di ogni cosa smaschera i giochi di potere e di repressione, gli agenti provocatori.

Ma pensi anche  che nel precedente del G8 di Genova, si era parlato di "agenti provocatori" inflitrati fra i black bloc. Ma in nessuna inchiesta sugli incidenti sono emersi particolari in merito.

Pensi a chi è stato arrestato per aver lottato in piazza, pensi e ripensi al sistema.

Freddo, tanto freddo scorre per le mie vene.

Superato il ponte San Donato che divide il centro città dalla periferia, porta e fuori porta, dentro e fuori, ricco e povero, padrone e proletario, silenzio e repressione, ecco che apprendi da un sms che il Senato ha approvato in via definitiva, con 162 voti a favore, un voto contrario e 97 astenuti, il decreto sulla sicurezza che contiene, tra l'altro, la norma definita dei 'sindaci sceriffi' in una versione edulcorata rispetto alla formulazione iniziale.

Ma qualcosa è mutato da quel 14 dicembre.

I giorni che verranno non saranno più i soliti giorni di assorbimento passivo delle nefandezze sistemiche della politica italiana.

Qualcosa è mutato.

Questo qualcosa si chiama risveglio della coscienza critica e di classe.

E pensi   alla Notte Stellata sul Rodano  di van Gogh, pensi alle sue parole
“Un cielo stellato,ad esempio. Questa è una cosa che mi piacerebbe provare a fare. […]. Ma come posso farlo se non a casa mia, con la mia immaginazione?”

Voglio immaginare di ritornar tra le mura silenziose per ascoltare l'urlo della rivoluzione, quella rivoluzione culturale che ribalterà l'esistente. Voglio immaginare di abbracciare in questa notte l'amore rivoluzionario e toccare le stelle stilizzate nella notte sul Rodano dipinta dal sogno di una vita sospirata,  ora desiderata, domani vissuta.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Se toccare il seno della statua di Giulietta è di buon auspicio, perchè?

Città che vai, tradizione o superstizione che troverai. In pieno centro a Monaco vi è la statua di Giulietta, donata dalla città di Verona. Una foto con Giulietta è immancabile a Monaco così come toccare il suo seno destro è un gesto molto diffuso. Ed è stato toccato tante di quelle volte che  praticamente è stato consumato dalla "passione" dei passanti tanto che ha assunto una tonalità più chiara rispetto al resto della statua. Ma da dove nasce questa superstizione? Perchè toccare il seno destro di Giulietta sarebbe di buon auspicio? Ognuno avrà una sua risposta, e Giulietta non può fare altro che subire questo rito. Un rito che accomuna diverse città, perchè la statua di Giulietta la si può trovare in diverse località oltre ovviamente che a Verona. A Monaco ve ne sono due, una prima copia donata dalla Cassa di Risparmio di Verona nel 1974, si trova ai piedi della torre dell’antico municipio a Marienplatz. La seconda si trova nel parco di Shakespeare Platz. Monaco e Vero…

Il duello Piazza Duomo e Tito a Capodistria tanto tuonò che alla fine...

Forse si è trattato di un caso record. 48 ore, ora più ora in meno, è la vita che ha avuto la targa,  delle stesse dimensioni di quella Titov Trg, Piazza Tito, di Capodistria. Se ne è discusso molto nella cittadina slovena, non è stata digerita la provocazione o non provocazione del giorno, in cui è stata affissa, un giorno caro per la Jugoslavia,  il fatto che probabilmente non era neanche in bilingue, come Piazza Tito, e che è il primo passo, non ammesso e non affermabile, che porterà alla rimozione di Piazza Tito e delle altre intitolazioni politiche che ricordano la vecchia Jugoslavia comunista. Tanto tuonò che è stata rimossa e verrà ricollocata a breve, a quanto pare.  Una tempesta fugace che ha lasciato comunque un segno, quello di quel vuoto sotto Piazza Tito. Come è emerso su Radiocapodistria ,dove si è discusso in modo approfondito di questa vicenda,  nel seguito ed importante programma condotto da Stefano Lusa, alla fine pare che il tutto fosse solo un banale e semplice p…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …