Passa ai contenuti principali

Infiltrato si, infiltrato no. ( Aggiornamenti in colore blu)

 Per dovere d'informazione devo segnalare quanto segue, in merito alla presunta individuazione di uno degli infiltrati  nella manifestazione di ieri a Roma. Mi riferisco al ragazzo con il giubbotto marrone chiaro e la sciarpa bianca che aveva in mano il manganello e non solo...

Ecco quanto viene scritto, proprio su quella foto su indymedia.
Riporto integralmente il testo, e la foto come pubblicata su indymdedia.
autore: 
me cojoni
qua la foto dell'arresto del compagno di roma mentre viene arrestato...


a tutti gli infami da tastiera venga il cancro al culo!!

come sempre non monta la jpg, riuscite a provvedere?
(e poi bloccherei i commenti)

thanx

fonte:   
 http://lombardia.indymedia.org/node/34530

Quindi, in base all'autore anonimo di tale foto e post, viene detto che il ragazzo non era infiltrato, che era e forse è un compagno con tanto di ben servito al sottoscritto  che ha segnalato il tutto.


Vado oltre gli insulti,ma indymedia è conosciuta anche per il fatto che spesso vi scrivono provocatori, Digos, fascisti e tanto altro. Poi il fatto che venga chiesto di bloccare i commenti è altresì singolare, specialmente su indymedia portale di contro informazione del movimento non solo italiano ma anche internazionale.


Riguardiamo la foto oggetto della discussione:
 Ieri mi è stato fatto notare che il ragazzo, che sarebbe stato arrestato, oltre ad avere un manganello aveva nella mano anche un paio di manette.Ed in effetti guardando bene la foto nella mano sinistra ha delle manette.

Ultima considerazione sulla questione arresto.
Di norma quando si maturano dubbi sul fatto che l'infiltrato sia stato individuato come tale, per proteggerlo si inscena suo arresto.
Ciò è sempre accaduto ed accadrà ancora.


E' stato anche detto che quel manganello sia stato preso al finanziere caduto in strada a causa degli scontri.
In verità ciò che sembra emergere guardando la foto successiva, è che il manganello è stato raccolto  sì al finanziere caduto per terra,  ma ciò è stato fatto, o almeno così sembra di comprendere, dal ragazzo con il giubbino grigio  ed il casco in testa che è più vicino a lui e non da quello con il giubbino marrone.
Quanti manganelli son andati persi? Quante manette son andate perse? Quante radio trasmittenti son andate perse? Qualcuno dovrà spiegare ciò; ovviamente con tutte le valutazione del caso.


Infine, in questo video http://video.corriere.it/roma-carica-polizia/139c4bc8-07c1-11e0-a25e-00144f02aabc al minuto 00,20 il ragazzo nel momento in cui viene fermato sembra dire "sono un collega"? o "sono un minorenne"?


a partire dal minuto 2.08 al minuto 1.50 noterete che l'infiltrato famoso per la radio trasmittente che viene picchiato dal finanziere nella nota scena del ragazzo con il giubbotto marrone chiaro, in questo video lo vedrete chiaramente indisturbato tra la polizia...con la polizia e con la radio trasmittente. Sì con quella radio che si diceva essere stata prelevata al finanziere. Peccato che quel momento del video è prima dell'evento relativo all'aggressione al finanziere, peccato che dal video si vede chiaramente che quella persona non è un semplice manifestante. Eh già, peccato. 

Altra prova: guardate la foto numero 5 di questa raccolta fotografica: 
http://www.unionesarda.it/Articoli/FotoGalleryDettaglio.aspx?pos=5&id=206874#gallery 
Guardate ora questo video  http://www.youtube.com/watch?v=21GZTFRLvyk&feature=player_embedded#! tra i secondi 0.42 e 0.46 noterete che il tipo che nella foto aggredisce il finanziere, quello con il berretto blu e disegno bianco è lo stesso che è con le forze di polizia e tra la polizia.
Più prova evidente di questa non so cosa altro aggiungere.




Tanto detto, ognuno tragga le proprie libere riflessioni e conclusioni.

Infiltrato si, infiltrato no, se è un compagno non infiltrato mi scuso sin da ora per tale errata valutazione, altrimenti è solo un semplice ma pericoloso  agente provocatore.

Ringrazio chi mi sta aiutando in tale lavoro di denuncia. 

Grazie.

Marco Barone

Commenti

  1. date un occhio a questa foto: http://www.flickr.com/photos/imetrone/5261879623/in/gallery-lucaguerri-72157625602753250/

    il ragazzo non ha più il guanto in mano, ma per terra per cui è stata scattata dopo la foto postata su indymedia. Non esprimo guidizi.

    RispondiElimina
  2. Ci sono foto ed immagini, sarà mai possibile che prima o poi non venga fuori il nome di questo e delle altre persone coinvolte in quelle foto/filmati? Così si saprà chi sono..

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…