Passa ai contenuti principali

Era il 26 dicembre 2004. Il maremoto di Sumatra, pensando all'Abruzzo.

Tsunami, tale parola deriva dal giapponese, che significa onda del porto.
Tale breve termine è entrato nel linguaggio comune quel lontano, perchè già dimenticato, ma in verità  vicino 26 dicembre 2004.
Onda del porto di Sumatra del 26 dicembre 2004 che ha investito tutto l'Oceano Indiano , venne causata da un terremoto molto violento di magnitudo pari a 9,3 della scala Richter. È stato il terremoto più imponente registrato dopo quello Cileno del 22 maggio 1960 di magnitudo 9,5. Chiamala se vuoi coincidenza, tragica naturale coincidenza, quel terremoto è avvenuto esattamente (a meno di un'ora) ad un anno di distanza dal terremoto di 6,6 gradi che ha colpito la città di Bam in Iran il 26 dicembre del 2003, causando la morte di circa 30.000 persone. Il maremoto dell'Oceano Indiano ha procurato circa 300 mila vittime, un numero indefinito di sfollati.
Onda devastante, violenta, impetuosa che ha colpito  parti delle regioni costiere dell'Indonesia, dello Sri Lanka, dell'India, della Thailandia, della Birmania, del Bangladesh, delle Maldive giungendo a colpire le coste della Somalia e del Kenya (ad oltre 4.500 km dall'epicentro del sisma).


Ecco scattare la catena della solidarietà umana, con le solite speculazioni tipiche di questi eventi, ecco il falso congelamento dei debiti.
I meccanismi che la società innesca in tale situazioni sono sempre identici.
Come identica è vuoi per la frenesia che caratterizza questa società, vuoi per i mille eventi che circondano il nostro vivere quotidiano, che il 26 dicembre del 2004 a molti oggi non dice nulla.
Ma solo sei anni addietro era negli occhi di tutti l'immagine ritratta da riprese video amatoriali, da fotografie, della potenza esplosiva della natura, della povertà di quelle terre, della disperazione delle persone.
Certo non bisogna tornar indietro di sei anni per capire come gli eventi per forza di cose offuschino la memoria dell'uomo.
Il terremoto dell'Abruzzo è un esempio vivente di ciò.
Ed era solo il mese di aprile del 2009.
Per giorni e mesi si parla di quella martoriata terra, poi le notizie sfumano, poi ecco gli scandali, poi sfumano ancora, ancora logorante silenzio.
Il silenzio a volte esprime meglio di ogni altra cosa la disperazione umana, la rabbia, il senso dell'ingiustizia, ma in tal caso ha effetto devastante, specialmente in tal società dove il silenzio uccide il dissenso.

Ma gli effetti del terremoto sono vissuti da quelle persone che vuoi per l'abusivismo, per la devastazione naturale, oggi giorno dormono, sognano, e probabilmente avranno condiviso  il dolce di natale dentro una casa di plastica. Questo per i più fortunati.
I dimenticati sono tanti, e le ricorrenze quanto meno devono servir a questo ad interrogarsi sul perchè la società tende ad inghiottire tutto in un vortice sconvolgente che conduce all'oblio.
Perchè?
Eppure la storia è caratterizzata da eventi tragicici. Per esempio leggendo un articolo scritto su tale sito  http://www.pi.ingv.it/Focus/tsunami.html da parte dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia emerge che circa 8000 anni fa un gigantesco tsunami devastò il mediterraneo interessando le coste della Sicilia orientale, l'Italia meridionale, l'Albania, la Grecia, il Nord Africa dalla Tunisia all'Egitto, spingendosi sino alle coste del vicino oriente dalla Palestina, alla Siria ed al Libano. Per non parlare del terremoto del 1908 di Messina e Reggio Calabria.
Noi siamo ospiti della terra, dobbiamo convivere con ciò che non ci appartiene.
I terremoti sono sempre esistiti, il Tsunami anche.
Quel giorno ricordo come la follia collettiva alla velocità dell'onda del porto travolse il senso della paura di ogni essere umano sulla terra. Senso della paura ma anche della tragica spettacolarizzazione oggi ancora viva.
Si andava a mare pensando allo Tsunami, alle minime scosse di terremoto si pensa allo Tsunami, si deve cercare per forza di cosa lo Tsunami, si allarma anche a volte in modo esasperato la popolazione. Il  25 dicembre 2010 è stato lanciato un allarme tsunami nel Pacifico sud-occidentale dopo una scossa di terremoto sottomarina di magnitudo 7,6. L'allarme dopo due ore è stato revocato.
Certo non voglio dire che gli allarmi non vadano dati, ma quasi tutti quelli che son seguiti al 26 dicembre 2004,  sono stati poi revocati.
La natura ha insegnato all'uomo che occorre prevenire determinate situazioni, ma non conferendo solo l'allarme, ma rispettando semplicemente il pianeta che oggi ancora ci ospita.Abbiamo imparato qualcosa da ciò?
Nutro molti dubbi in tal senso.
Oggi il mio pensiero viene rivolto a tutti i terremotati, a tutte le persone che hanno vissuto sulla loro pelle gli effetti del non funzionamento della società, ed in particolar modo ai terremotati dell'Abruzzo di cui oggi giorno non si parla più.


Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto