Passa ai contenuti principali

A Bologna pedinati e denunciati due studenti per aver rubato un albero di Natale.

E' natale.
In verità il natale quello dello shopping, dello spendere, del fare compere, è iniziato con qualche mese di anticipo.
Già a fine ottobre si trovavano i panettoni o i dolci tipici di tale festività, per non parlare delle decorazioni o gli addobbi per la casa proprio per il tanto desiderato natale.

Nel dicembre 2009 a Napoli venne  rubato  il tradizionale albero di Natale di circa cinque-sei metri detto 'dei desideri', ancora non addobbato, posizionato soltanto da un pomeriggio al centro della galleria Umberto.

A Bologna, è successa una cosa simile ma con un albero di dimensioni più umane.

Due giovani studenti si son beccati una denuncia per ricettazione per aver girato in centro città, in piena notte, con un albero di natale tutto decorato.

I ragazzi son stati notati da un passante che immedesimandosi nei panni dell'investigatore privato notturno, ha deciso di pedinarli nell'attesa che la polizia da lui chiamata arrivasse per identificarli e chiedere spiegazioni.
Il percorso effettuato dai ragazzi è stato piuttosto lungo, da Strada Maggiore infatti si sono diretti verso via Dante, poi piazza Trento e Trieste, fino a viale Oriani.
Avrebbero detto alla polizia che in zona universitaria qualcuno avrebbe offerto loro quell'albero.
Non creduti, vengono denunciati per ricettazione.

La zona universitaria è nota per il mercato in nero delle biciclette, non per quello degli alberi di natale, ma in verità tutto è possibile con i tempi che corrono.
Ma la cosa che deve essere sottolineata non è tanto l'aver rubato? o meno un albero di natale, poi a chi, è tutto da comprendere, ma il fatto che un cittadino li abbia pedinati praticamente per quasi tutto il tragitto.

Mi viene in mente il caso di Trieste dove poco tempo addietro dei vigili urbani alle prime ore dell'alba si nascosero dietro i cassonetti dell'immondizia per sorprendere, grazie ad una segnalazione ripetuta nel tempo da una vicina,  una signora  che si dilettava a gettare i propri rifiuti fuori dai contenitori.
Poco ci mancava che a quella signora le venisse un vero e proprio infarto.
Oppure il caso recente di Gorizia dove dà fastidio pure la musica natalizia diffusa dalla filodiffusione. Il volume è troppo alto, disturba, non permette di svolgere le proprie quotidiane occupazioni ed ecco che studenti universitari e cittadini denunciano il tutto al Comune.

Il senso del rispetto delle regole, l'immedesimarsi nei panni del poliziotto, il divenire ronda notturna, l'essere intolleranti a tutto, è un problema reale.
Pensiamo per esempio ai regolamenti condominiali dove si tende a normare per non disturbare la divina pace dei sensi anche l'inverosimile a colpi di divieti.

Certo non voglio giustificare la signora che gettava la spazzatura fuori dai contenitori, o i ragazzi che andavano in giro con un albero di natale forse rubato, ma credo che questi episodi tipici delle vite di città che se da un lato vogliono divenire metropolitane dall'altro vogliono la tranquillità tipica dei paesi di campagna è a dir poco allarmante.
Quel cittadino bolognese sicuramente avrà dormito bene, e sognato anche forse la sua mancata carriera da salva alberi di natale, ma ciò su cui è necessario interrogarsi è questo il senso di legalità che vogliono gli italiani?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Per la prima volta nella storia di Ronchi arriva l'antimafia

No, nessun effetto  cinematografico. Niente sirene spiegate, palette fuori dall'auto in corsa. Niente poliziotti con il passamontagna. Ma in una regione come il Friuli Venezia Giulia non più isola felice, ma presa di mira dalla camorra e dalla 'ndrangheta in particolar modo ,quando si realizzano cantieri ed opere di una certa rilevanza bisogna metterlo in conto. Cosa? L'accesso del gruppo interforze che ha la scopo di intervenire per prevenire infiltrazioni mafiose nei pubblici appalti. 
Il prefetto dispone accessi ed accertamenti nei cantieri delle imprese interessate all'esecuzione di lavori pubblici, avvalendosi, a tal fine, dei gruppi interforze  ed al termine degli accessi ed accertamenti disposti dal prefetto, il gruppo interforze redige, entro trenta giorni, la relazione contenente i dati e le informazioni acquisite nello svolgimento dell'attività ispettiva, trasmettendola al prefetto che ha disposto l'accesso. Il prefetto,  una volta acquisita la relaz…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…