Passa ai contenuti principali

A Bologna pedinati e denunciati due studenti per aver rubato un albero di Natale.

E' natale.
In verità il natale quello dello shopping, dello spendere, del fare compere, è iniziato con qualche mese di anticipo.
Già a fine ottobre si trovavano i panettoni o i dolci tipici di tale festività, per non parlare delle decorazioni o gli addobbi per la casa proprio per il tanto desiderato natale.

Nel dicembre 2009 a Napoli venne  rubato  il tradizionale albero di Natale di circa cinque-sei metri detto 'dei desideri', ancora non addobbato, posizionato soltanto da un pomeriggio al centro della galleria Umberto.

A Bologna, è successa una cosa simile ma con un albero di dimensioni più umane.

Due giovani studenti si son beccati una denuncia per ricettazione per aver girato in centro città, in piena notte, con un albero di natale tutto decorato.

I ragazzi son stati notati da un passante che immedesimandosi nei panni dell'investigatore privato notturno, ha deciso di pedinarli nell'attesa che la polizia da lui chiamata arrivasse per identificarli e chiedere spiegazioni.
Il percorso effettuato dai ragazzi è stato piuttosto lungo, da Strada Maggiore infatti si sono diretti verso via Dante, poi piazza Trento e Trieste, fino a viale Oriani.
Avrebbero detto alla polizia che in zona universitaria qualcuno avrebbe offerto loro quell'albero.
Non creduti, vengono denunciati per ricettazione.

La zona universitaria è nota per il mercato in nero delle biciclette, non per quello degli alberi di natale, ma in verità tutto è possibile con i tempi che corrono.
Ma la cosa che deve essere sottolineata non è tanto l'aver rubato? o meno un albero di natale, poi a chi, è tutto da comprendere, ma il fatto che un cittadino li abbia pedinati praticamente per quasi tutto il tragitto.

Mi viene in mente il caso di Trieste dove poco tempo addietro dei vigili urbani alle prime ore dell'alba si nascosero dietro i cassonetti dell'immondizia per sorprendere, grazie ad una segnalazione ripetuta nel tempo da una vicina,  una signora  che si dilettava a gettare i propri rifiuti fuori dai contenitori.
Poco ci mancava che a quella signora le venisse un vero e proprio infarto.
Oppure il caso recente di Gorizia dove dà fastidio pure la musica natalizia diffusa dalla filodiffusione. Il volume è troppo alto, disturba, non permette di svolgere le proprie quotidiane occupazioni ed ecco che studenti universitari e cittadini denunciano il tutto al Comune.

Il senso del rispetto delle regole, l'immedesimarsi nei panni del poliziotto, il divenire ronda notturna, l'essere intolleranti a tutto, è un problema reale.
Pensiamo per esempio ai regolamenti condominiali dove si tende a normare per non disturbare la divina pace dei sensi anche l'inverosimile a colpi di divieti.

Certo non voglio giustificare la signora che gettava la spazzatura fuori dai contenitori, o i ragazzi che andavano in giro con un albero di natale forse rubato, ma credo che questi episodi tipici delle vite di città che se da un lato vogliono divenire metropolitane dall'altro vogliono la tranquillità tipica dei paesi di campagna è a dir poco allarmante.
Quel cittadino bolognese sicuramente avrà dormito bene, e sognato anche forse la sua mancata carriera da salva alberi di natale, ma ciò su cui è necessario interrogarsi è questo il senso di legalità che vogliono gli italiani?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Goletta Verde in FVG: mare inquinato a Monfalcone e Muggia

Goletta Verde ha reso disponibili i dati per il 2017. Se complessivamente in FVG i dati del mare sono buoni visto anche il quadro complessivo nazionale dove su 260 campioni di acqua analizzati, il 40% è risultato con cariche batteriche elevate, i punti di criticità in FVG si registrano in tre località. Colpisce soprattutto il dato di Monfalcone, se nel 2016 i valori erano dentro i limiti nel 2017 non è così. Il campionamento avvenuto il 05/08/2017 a Monfalcone (GO) presso Marina Julia nella zona spiaggia libera presso parco giochi/via delle Giarrette ha dato un chiaro esito: inquinato.
Questi gli altri dati del Friuli Venezia Giulia Data del campionamento: 05/08/2017
regione: Friuli Venezia Giulia
comune: Muggia (TS)
Punto di prelievo: Foce canale via Battisti incrocio largo Caduti per la libertà
Giudizio: Fortemente inquinato



Data del campionamento: 05/08/2017
regione: Friuli Venezia Giulia
comune: Trieste (TS)
Punto di prelievo: Spiaggia, presso Lungomare F.lli Bandiera
Giud…

Per essere un Paese migliore si deve chiedere scusa,ed alcune date di Gorizia da non dimenticare

Quanto è difficile chiedere scusa, eppure chiedere scusa è il primo passo necessario non tanto per ricominciare, ma per avviare un percorso diverso, più onesto, più eticamente e moralmente corretto. Il Papa, ad esempio, qualche passo tenue nei confronti degli omosessuali lo sta facendo, Obama si è recato ad Hiroshima, gesto importante, ma non ha osato chiedere scusa per quel crimine immenso compiuto contro inermi civili. Tante barbarie nel corso della storia sono state compiute in nome e per conto dell'Italia. Dalla “piemontesizzazione del Sud”, ai massacri della prima guerra mondiale, al regime fascista, alle violenze e crimini compiuti nelle terre occupate, in Africa, Albania, Grecia, in Jugoslavia. Mai scusa si è chiesto per ciò. Eppure basterebbe poco, chiedere scusa per restituire dignità all'Italia, il cui nome è stato usurpato dalle peggiori nefandezze. Il problema è che quando pretendi ciò ti etichettano spesso come anti-italiano. A parer mio il peggior modo di essere…