Passa ai contenuti principali

A Bologna pedinati e denunciati due studenti per aver rubato un albero di Natale.

E' natale.
In verità il natale quello dello shopping, dello spendere, del fare compere, è iniziato con qualche mese di anticipo.
Già a fine ottobre si trovavano i panettoni o i dolci tipici di tale festività, per non parlare delle decorazioni o gli addobbi per la casa proprio per il tanto desiderato natale.

Nel dicembre 2009 a Napoli venne  rubato  il tradizionale albero di Natale di circa cinque-sei metri detto 'dei desideri', ancora non addobbato, posizionato soltanto da un pomeriggio al centro della galleria Umberto.

A Bologna, è successa una cosa simile ma con un albero di dimensioni più umane.

Due giovani studenti si son beccati una denuncia per ricettazione per aver girato in centro città, in piena notte, con un albero di natale tutto decorato.

I ragazzi son stati notati da un passante che immedesimandosi nei panni dell'investigatore privato notturno, ha deciso di pedinarli nell'attesa che la polizia da lui chiamata arrivasse per identificarli e chiedere spiegazioni.
Il percorso effettuato dai ragazzi è stato piuttosto lungo, da Strada Maggiore infatti si sono diretti verso via Dante, poi piazza Trento e Trieste, fino a viale Oriani.
Avrebbero detto alla polizia che in zona universitaria qualcuno avrebbe offerto loro quell'albero.
Non creduti, vengono denunciati per ricettazione.

La zona universitaria è nota per il mercato in nero delle biciclette, non per quello degli alberi di natale, ma in verità tutto è possibile con i tempi che corrono.
Ma la cosa che deve essere sottolineata non è tanto l'aver rubato? o meno un albero di natale, poi a chi, è tutto da comprendere, ma il fatto che un cittadino li abbia pedinati praticamente per quasi tutto il tragitto.

Mi viene in mente il caso di Trieste dove poco tempo addietro dei vigili urbani alle prime ore dell'alba si nascosero dietro i cassonetti dell'immondizia per sorprendere, grazie ad una segnalazione ripetuta nel tempo da una vicina,  una signora  che si dilettava a gettare i propri rifiuti fuori dai contenitori.
Poco ci mancava che a quella signora le venisse un vero e proprio infarto.
Oppure il caso recente di Gorizia dove dà fastidio pure la musica natalizia diffusa dalla filodiffusione. Il volume è troppo alto, disturba, non permette di svolgere le proprie quotidiane occupazioni ed ecco che studenti universitari e cittadini denunciano il tutto al Comune.

Il senso del rispetto delle regole, l'immedesimarsi nei panni del poliziotto, il divenire ronda notturna, l'essere intolleranti a tutto, è un problema reale.
Pensiamo per esempio ai regolamenti condominiali dove si tende a normare per non disturbare la divina pace dei sensi anche l'inverosimile a colpi di divieti.

Certo non voglio giustificare la signora che gettava la spazzatura fuori dai contenitori, o i ragazzi che andavano in giro con un albero di natale forse rubato, ma credo che questi episodi tipici delle vite di città che se da un lato vogliono divenire metropolitane dall'altro vogliono la tranquillità tipica dei paesi di campagna è a dir poco allarmante.
Quel cittadino bolognese sicuramente avrà dormito bene, e sognato anche forse la sua mancata carriera da salva alberi di natale, ma ciò su cui è necessario interrogarsi è questo il senso di legalità che vogliono gli italiani?

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Gorizia,16 dicembre, manifestazione regionale a sostegno dei migranti "RESTIAMO UMANI-HUMANITY WELCOME"

Il titolo della manifestazione è restiamo umani, humanity welcome. Il 16 dicembre se a Roma ci sarà la manifestazione nazionale dei migranti, a Gorizia si svolgerà una manifestazione regionale che ha lo scopo di denunciare il fallimento dell'accoglienza diffusa in regione, lo stato di degrado umano che si è raggiunto nei confronti dei richiedenti asilo "fuori convenzione", senza dimenticare quanto accade nel CARA di Gradisca, che è oltre ogni limite di capienza, destinato a diventare nuovamente centro di espulsione, senza dimenticare quanto accade lungo le rive dell'Isonzo da Gorizia a Gradisca, a Pordenone, senza dimenticare l'omissione di soccorso sistematica ed impunita. Gorizia non è mai stata realmente una porta verso l'Est, si è sempre chiusa, non è mai stata una porta verso l'Oriente, e la caduta visiva dell'ultimo muro d'Europa, dopo quello di Berlino, è stato solo un gesto illusorio, perchè le divisioni sono sempre state la normalità in q…