Passa ai contenuti principali

Giorni di conflitto sociale a Bologna.




Bologna, città commissariata, città ove la 'ndrangheta spadroneggia, città ove interessi politici ed affari si intrecciano per consolidare il potere di quel sistema cooperativistico che è il vero centro sistemico decisionale della vita economica bolognese; città ove da anni è in corso uno svuotamento sia a livello culturale che anche demografico, basta pensare al solo calo enorme di  studenti iscritti all'università rilevato negli ultimi tempi; città ove alle nove di sera le strade iniziano a desertificare, città che vuole essere metropolitana, ma nello stesso tempo paese provinciale.
Città dalle mille eterogenee contraddizioni, città ancora assopita nel sogno rivoluzionario del 1977.
Ma,ecco che in questi giorni, per motivi vari, siano essi liberi e spontanei siano essi non molto spontanei, nascere  varie iniziative di conflitto poste in essere da varie realtà ma non solo studentesche.


Mentre la Gelmini oggi dichiara che “Mi auguro che non accada che vengano votati emendamenti di un contenuto pesante e che possano stravolgere il provvedimento, perché se così fosse, come Governo mi troverei nelle condizioni di dover richiedere il ritiro della legge”;  mentre qualcuno invoca il morto, mentre tutti noi ci interroghiamo su come Berlusconi e la sua loggia massonica quale la P3, difenderà il suo potere, stragi? bombe? omicidi? colpi di stato?o semplice fuga in Libia? , e mentre i giornali titolavano del cazzotto preso in faccia da Emilio Fede, che alla prima lettura sembrava quasi essere aggressione maturata per fini politici, ma poi leggendo l'articolo emergono storie di gossip e gelosia; a Bologna forse qualcosina si è risvegliata.

Gli studenti delle superiori di Bologna, in piazza da stamattina contro la riforma gelmini, sono stati caricati dalla polizia nel tentativo di invadere la stazione, erano in centinaia.
Come si possono caricare ragazzini?
Come?
Intanto è successo e succederà ancora.

Nella giornata di ieri, si legge in un comunicato degli antifascisti , spontaneamente, studenti e studentesse antifascisti/e autorganizzandosi si sono diretti verso la facoltà di Giurisprudenza, in cui Azione Universitaria e Giovane Italia volevano festeggiare, proprio nel giorno di discussione alla camera dell’infame DDL Gelmini, contro cui università licei e rettorati sono occupati, i vent’anni di agibilità politica in università. I festeggiamenti sono stati interrotti dal grido “Fuori i fascisti dall’università, resistenza in tutte le città”.
La rete di protezione fascista si è attivata con avvocati, volanti della polizia e Digos che sono entrati in facoltà, ma sono stati prontamente cacciati.
L’azione antifascista è continuata con un’assemblea, nella facoltà di lettere e filosofia occupata, da cui è emersa la necessità di coordinazione sul fronte dell’antifascismo così come in ogni ambito di lotta. Sull’antifascismo non si devono porre bandiere; questa giornata ha dimostrato che l’antifascismo si pratica ed è una pratica di libertà".



E sempre nella giornata di ieri sera, sembrerebbe che un gruppo di anarchici abbiano contestato l'iniziativa organizzata in serata dalla lega nord "contro il degrado" al pub Lab16 in via Zamboni 16 (ex Transilvania).
Gli interventi al megafono (in cui si ricordavano le responsabilità della lega e la repressione con l'idrante avvenuta nel Cie domenica) hanno attirato non pochi indignati.

Qualche spintone tanti insulti  ma  alla fine l'arrivo delle forze dell'ordine convince i più ad andarsene.

Mentre nella giornata del 17 novembre sono stati incendiati cassonetti in più punti della città, in solidarietà con i migranti di Brescia,Milano.


Nello stesso tempo si tende ad invocare la generalizzazione del conflitto sociale, che non sia limitata solo alla questione università o scuola, ma anche welfare, difesa beni comuni, reddito e cittadinanza, immigrazione, carceri.

Capiremo quanto sia vero e genuino questo conflitto dopo le date del 27 novembre e del 11 dicembre, date importanti per una fetta della politica istituzionale di opposizione italiana nonchè sindacale concertativa.
Se oltre quelle date il conflitto continuerà, se sarà ancora vivo, se allargherà la sua estensione e radicalizzazione nei territori, allora vuol dire che veramente qualcosa forse in Italia è in fase di cambiamento.

L'indipendenza del movimento è l'unica forza che può rendere un conflitto sociale libero ed incondizionato, ovvero meramente conflittuale.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Nella Gradoaustronostalgia i commercianti dicono no ai richiedenti asilo a rischio l'immagine. Pazzesco

L'immagine è tutto. Niente immagine, niente business. La partita a ping pong si gioca tra Grado e le sue frazioni, con la Prefettura che svolge il ruolo di osservatore, ma prima o poi dovrà fischiare la fine di questa partita ed una decisione andrà presa. Se a Fossalon si è assistito a di tutto e di più, dalla deprimente marcia dei trattori, fumosissima visto che non ci sarà, a pensieri figli di una visione distorta del mondo, come se chi voleva ospitare 18 richiedenti asilo si apprestasse a dare accoglienza a 18 criminali incalliti, a Grado si assiste alla reazione di chi ha voce e peso economico importante. Il mondo del commercio. Sul Piccolo del 15 ottobre si apprende che  «Ormai da qualche settimana - ha spiegato il responsabile locale di Confcommercio, Fumolo - si parla dell'ipotesi di ospitalità ad un gruppo di migranti anche da parte del Comune di Grado e la nostra associazione di categoria esprime preoccupazione per le ripercussioni negative che questa azione potr…