Passa ai contenuti principali

Approvato il nuovo regolamento sull'editoria. E' la fine della libertà d'informazione?

Dopo la sospensione delle agevolazioni postali per la spedizione di periodici, libri e quotidiani che ha comportato di punto in bianco  che dal primo aprile 2010  editori di quotidiani, periodici e libri non potevano e non possono più usufruire di tariffe agevolate, ma delle normali tariffe di Poste Italiane, ovvero che se fino al 31 marzo una casa editrice per spedire un pacco di libri fino a 3 Kg pagava 1,35 euro (costo peraltro già abbondantemente lievitato da inizio anno), dal giorno successivo  paga 7 euro.

Intervento posto in essere proprio per colpire l'editoria piccola indipendente di contro informazione, colpire chi contribuisce in questo paese dal regime democratico a far ragionare le persone, a svegliare le menti spesso annichilite dai media e dalla stampa di Stato; ecco che il Consiglio dei Ministri, dopo anni di tentativi, oggi ha approvato il nuovo regolamento che riordina le procedure di erogazione dei contributi diretti ed indiretti all'editoria.
Occorre precisare che  con il decreto incentivi, solo ed unicamente  per l'editoria non profit sono state riattivate le agevolazioni di cui sopra.

In una nota del Governo si legge che :

"Il regolamento tende a premiare i giornali che arrivano effettivamente nelle edicole, eliminando dal calcolo le copie vendute in blocco e quelle attraverso lo strillonaggio. Altro obiettivo, premiare le imprese giornalistiche che hanno un numero minimo di dipendenti.

Il regolamento contiene altre disposizioni per favorire e tutelare l’occupazione nel settore giornalistico: le cooperative editrici potranno infatti percepire i contributi solo nel caso in cui siano composte in prevalenza da giornalisti e la maggioranza dei soci sia titolare di un rapporto di lavoro subordinato. Sono previste riduzioni fino al 20% dei contributi nel caso in cui l’impresa non utilizzi un numero minimo di giornalisti dotati di regolare contratto di lavoro.

Per quel che riguarda l’erogazione dei contributi, le copie effettivamente distribuite sostituiscono la tiratura quale parametro del calcolo, la distribuzione complessiva e la vendita dovranno essere certificate da una società di revisione.

Il regolamento prevede infine la possibilità per le imprese di inviare le domande di contributo in via telematica, accelerando così i tempi, e misure di controllo più stringenti rispetto al passato.

Il varo del regolamento è arrivato stamani con l’approvazione del Consiglio dei Ministri, dopo aver superato il prescritto parere del Consiglio di Stato e delle competenti Commissioni parlamentari del Senato e della Camera". fonte http://www.governo.it/Presidenza/Comunicati/dettaglio.asp?d=60945

Se mettiamo insieme le due norme ovvero le sospensioni delle agevolazioni postali che colpiscono l'editoria piccola ed indipendente, ed il presente regolamento che vincola l'erogazione dei contributi alle copie effettivamente distribuite il gioco è fatto.

Come si possono distribuire copie di libri, quotidiani ecc se non si possono coprire i costi della spedizione?
Quindi prima mi togli le agevolazioni postali, di spedizione, e successivamente vincoli i contributi dello Stato per l'editoria alla distribuzione effettiva.
Per distribuzione  di copie,si deve intendere, come sembrerebbe emegere all'interno di tale regolamento, "quelle poste in vendita in edicola o presso punti vendita non esclusivi, entrambi tramite contratti con societa’ di distribuzione esterne e quelle distribuite in abbonamento a pagamento. Non potranno essere inserite nel calcolo le copie vendute in blocco a un prezzo inferiore a quello indicato sulla testata".
Se qualcuno pensa che questa sia una forma di regime volta a reprimere la libertà d'informazione ha tutte le ragioni per affermare ciò.
Semplicemente perchè non si è nella possibilità materiale, concreta di poter concorrere con le grosse catene di distribuzione che monopolizzeranno sempre di più il controllo dell'informazione, filtreranno le notizie che vorranno loro e come vorranno loro.
Il prossimo passo, dopo i falliti tentativi pregressi, sarà internet, unica risorsa,ad oggi, libera.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto