Passa ai contenuti principali

Approvato il nuovo regolamento sull'editoria. E' la fine della libertà d'informazione?

Dopo la sospensione delle agevolazioni postali per la spedizione di periodici, libri e quotidiani che ha comportato di punto in bianco  che dal primo aprile 2010  editori di quotidiani, periodici e libri non potevano e non possono più usufruire di tariffe agevolate, ma delle normali tariffe di Poste Italiane, ovvero che se fino al 31 marzo una casa editrice per spedire un pacco di libri fino a 3 Kg pagava 1,35 euro (costo peraltro già abbondantemente lievitato da inizio anno), dal giorno successivo  paga 7 euro.

Intervento posto in essere proprio per colpire l'editoria piccola indipendente di contro informazione, colpire chi contribuisce in questo paese dal regime democratico a far ragionare le persone, a svegliare le menti spesso annichilite dai media e dalla stampa di Stato; ecco che il Consiglio dei Ministri, dopo anni di tentativi, oggi ha approvato il nuovo regolamento che riordina le procedure di erogazione dei contributi diretti ed indiretti all'editoria.
Occorre precisare che  con il decreto incentivi, solo ed unicamente  per l'editoria non profit sono state riattivate le agevolazioni di cui sopra.

In una nota del Governo si legge che :

"Il regolamento tende a premiare i giornali che arrivano effettivamente nelle edicole, eliminando dal calcolo le copie vendute in blocco e quelle attraverso lo strillonaggio. Altro obiettivo, premiare le imprese giornalistiche che hanno un numero minimo di dipendenti.

Il regolamento contiene altre disposizioni per favorire e tutelare l’occupazione nel settore giornalistico: le cooperative editrici potranno infatti percepire i contributi solo nel caso in cui siano composte in prevalenza da giornalisti e la maggioranza dei soci sia titolare di un rapporto di lavoro subordinato. Sono previste riduzioni fino al 20% dei contributi nel caso in cui l’impresa non utilizzi un numero minimo di giornalisti dotati di regolare contratto di lavoro.

Per quel che riguarda l’erogazione dei contributi, le copie effettivamente distribuite sostituiscono la tiratura quale parametro del calcolo, la distribuzione complessiva e la vendita dovranno essere certificate da una società di revisione.

Il regolamento prevede infine la possibilità per le imprese di inviare le domande di contributo in via telematica, accelerando così i tempi, e misure di controllo più stringenti rispetto al passato.

Il varo del regolamento è arrivato stamani con l’approvazione del Consiglio dei Ministri, dopo aver superato il prescritto parere del Consiglio di Stato e delle competenti Commissioni parlamentari del Senato e della Camera". fonte http://www.governo.it/Presidenza/Comunicati/dettaglio.asp?d=60945

Se mettiamo insieme le due norme ovvero le sospensioni delle agevolazioni postali che colpiscono l'editoria piccola ed indipendente, ed il presente regolamento che vincola l'erogazione dei contributi alle copie effettivamente distribuite il gioco è fatto.

Come si possono distribuire copie di libri, quotidiani ecc se non si possono coprire i costi della spedizione?
Quindi prima mi togli le agevolazioni postali, di spedizione, e successivamente vincoli i contributi dello Stato per l'editoria alla distribuzione effettiva.
Per distribuzione  di copie,si deve intendere, come sembrerebbe emegere all'interno di tale regolamento, "quelle poste in vendita in edicola o presso punti vendita non esclusivi, entrambi tramite contratti con societa’ di distribuzione esterne e quelle distribuite in abbonamento a pagamento. Non potranno essere inserite nel calcolo le copie vendute in blocco a un prezzo inferiore a quello indicato sulla testata".
Se qualcuno pensa che questa sia una forma di regime volta a reprimere la libertà d'informazione ha tutte le ragioni per affermare ciò.
Semplicemente perchè non si è nella possibilità materiale, concreta di poter concorrere con le grosse catene di distribuzione che monopolizzeranno sempre di più il controllo dell'informazione, filtreranno le notizie che vorranno loro e come vorranno loro.
Il prossimo passo, dopo i falliti tentativi pregressi, sarà internet, unica risorsa,ad oggi, libera.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Se Babbo Natale ha ridimensionato San Nicolò

Ma è più sentito San Nicolò o Babbo Natale?

Questo è quanto mi domandavo notando tutta la serie di prodotti realizzati, i mercatini diffusi, le fiere e quant'altro si afferma in prossimità della notte tra il 5 e 6 dicembre. Così come mi domando, ma quanti conoscono la sua storia? Quanti sanno che tipo di santo protettore sarebbe?  Scommetto che le mani alzate sarebbero una manciata.  Ed a dirla tutta non interessa, interessa quel giorno solo scambiarsi qualche regalino, girovagare per le fiere, bere e mangiare.
San Nicolò, dicono, è un santo molto venerato in tutto il mondo, addirittura avrebbe carattere universale. Sarà. Ma in Italia ci sono su più di 8 mila Comuni solo una ventina di località, e qualche Comune, ad avere questo nome e sono poche le località dove viene festeggiato, soprattutto in alcune zone del Nord Est ed in Puglia.  Vi è chi dice che Babbo Natale altro non sia che praticamente il San Nicolò in chiave pienamente consumistica, che avrebbe tratto origine da qu…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…