Passa ai contenuti principali

Provocazioni in corso attendendo il 16 ottobre 2010...

Il giorno 16 ottobre 2010 in Roma si svolgerà la manifestazione dei metalmeccanici sostenuti in particolar modo dalla Fiom per rivendicare i diritti fondamentali dei lavoratori oggi oggetto di gravi attacchi incondizionati da parte dei governanti filo-confindustriali al timone di questo paese.

La tensione giorno dopo giorno incrementa sempre di più.

Vedi lo strano attentanto a Belpietro, la morte di Sergio Calore , ex terrorista di destra , sgozzato probabilmente con un piccone, in un casolare nelle campagne di Guidonia, vicino a Roma, la fantomatica aggressione di Merate addebitata alla Fiom, il volantino delle Br a Violante.
Tanti piccoli segnali che apparentemente possono sembrare ad una prima lettura sconnessi tra di loro, ma in verità sono collegati.

Si, è vero che dei compagni hanno simbolicamente posto in essere iniziative particolari contro la sede della Cisl a Roma, ma è altrettanto vero che i media in particolare a supporto delle logiche repressive del governo lentamente attuano campagna di "tensione" in relazione alla manifestazione del 16 ottobre.
Ecco i giornalisti andare alla ricerca delle scritte sui muri "Marchionne e Bonanni...Sacconi di *****". E ancora: "il 16 ottobre 2010 tutti a Roma". Sono le scritte, accompagnate dal simbolo della falce e martello, trovate oggi sul muro della chiesa di via Riva a Ivrea, accanto alla sede Cisl canavesana.( http://www.repubblica.it/politica/2010/10/06/news/lancio_di_uova_fumoggeni_e_vernice_il_bersaglio_la_sede_nazionale_cisl-7780739/?ref=HRER2-1).
Ma credo che le cose vadano analizzate per quello che sono.

La crisi attuale in Italia è tragica. Gli ammortizzatori sociali giungono al termine, il lavoro quello stabile non esiste più.
Tagli, precarietà, flessibilità, mission da conseguire...,disperazione e rabbia.
La pentola è pronta per esplodere.
Ma il passato ha insegnato tanto.
Credo che ad oggi non esistano in questo paese le condizioni effettive per gestire una lotta dura di piazza. Ciò sia perchè la CGIL in primis ha di fatto addormentato con il suo modus operandi i lavoratori e conrollato i movimenti, sia perchè le divisioni tra le varie realtà politiche e sindacali di sinistra antagonista sono così profonde che nulla lascia intravedere ad una "dura"lotta di piazza.
In Spagna ci sono stati scontri sociali di una certa consistenza, la Grecia ha fatto scuola per molte questioni ma specialmente ha dimostrato come il paese è stato svenduto al capitalismo ed ai cinesi che iniziano a "comprare" il debito pubblico greco. Presto ciò succederà anche in Italia.

La tensione sembra essere indirizzata.

Vogliono crearla per dare il colpo di grazia al movimento che non c'è.

Vogliono dare il colpo di grazia al dissenso inasprendo la repressione e la politica autoritaria.
Quale miglior occasione del 16 ottobre 2010?

Dico ai compagni di stare attenti di non cadere nella trappola dei padroni.

Perchè è questo che vogliono, il casus belli per condurre pienamente questo paese nella sfera dell'autoritarismo mero.

Attenti a non cedere alle provocazioni.

Attenti a non fornire la "scusa" ai governanti.

Il 16 ottobre bisognerà vigilare. Si, vigilare sul possibile intervento degli infiltrati di stato o reazionari. Bisognerà vigilare perchè la manifestazione non cada nella trappola tesa nel corso di questi mesi dal sistema vigente.

Non siamo nelle condizioni di "condizionare" l'informazione. In Italia non esiste la libertà d'informazione. Chi ha orecchie per intendere spero abbia inteso.

Varie e strane situazioni si sono verificate. Forse il 16 ottobre non accadrà nulla, forse è ancora presto, ma le condizioni ci sono tutte.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Koper o Capodistria?Fiume o Rijeka?Merna o Miren?Londra o London? Trieste e Trst?

Esistono diversi processi di italianizzazione, i più noti sono quelli figli dell'abitudine, figli di quel modo di fare che hanno trasformato London in Londra, Berlin in Berlino, Barcelona in Barcellona, Marseille in Marsiglia ecc. Si dirà che è semplice traduzione. Fattore tipico di tutte le lingue. Poi vi sono luoghi che sono stati soggetti all'italianizzazione forzata tramite la nota opera nazionalfascista e di esempi ve ne sono a bizzeffe, se ne perde il conto, sia in Italia che in Slovenia che in Croazia che ovunque l'Italia abbia operato in tal modo.
Ad esempio Redipuglia  ha storpiato lo sloveno Sredipolje. In altri casi si utilizza l'italianizzazione per rispetto anche della comunità italiana che vi abita, non chiamare quei luoghi con il loro nome italiano significherebbe negare l'esistenza della comunità italiana, almeno per gli italiani autoctoni del luogo è così, pensiamo Capodistria il cui nome in sloveno è Koper, o Rijeka diventata Fiume. Italianizzazi…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Con i confini della giusta sconfitta di Caporetto l'Italia oggi si fermerebbe a Treviso

Dal dannunzianesimo in poi, passando per retoriche risorgimentali estremizzate, irredentismi radicali, simulati patriottismi, l'Italia decise di aggredire l'Impero Austro Ungarico, occupando terre non italiane, anche se forse si poteva pur parlare l'italiano, anche se prevalentemente si parlavano dialetti locali oltre ovviamente allo sloveno, il tedesco, il friulano. Dove vi potevano essere radici latine, risalenti anche all'Impero Romano, ma non è che ovunque l'Impero Romano mise piede era da considerarsi Italia, perchè allora dovrebbero rivendicare anche l'Azerbaigian, senza dimenticare che l'Italia si formerà come Stato unitario poi solo nel 1861. Audacia, tenacia, scippati dalla terra contadini, ragazzi, famiglie senza più i loro figli, mandati a morire nel nome del niente. Arroganza, gestione criminale del conflitto, per conquistare fazzoletti di terra che ancora oggi si sentono poco italiani, perchè l'Italia è giovane, l'Italia unita si è fat…