Passa ai contenuti principali

Provocazioni in corso attendendo il 16 ottobre 2010...

Il giorno 16 ottobre 2010 in Roma si svolgerà la manifestazione dei metalmeccanici sostenuti in particolar modo dalla Fiom per rivendicare i diritti fondamentali dei lavoratori oggi oggetto di gravi attacchi incondizionati da parte dei governanti filo-confindustriali al timone di questo paese.

La tensione giorno dopo giorno incrementa sempre di più.

Vedi lo strano attentanto a Belpietro, la morte di Sergio Calore , ex terrorista di destra , sgozzato probabilmente con un piccone, in un casolare nelle campagne di Guidonia, vicino a Roma, la fantomatica aggressione di Merate addebitata alla Fiom, il volantino delle Br a Violante.
Tanti piccoli segnali che apparentemente possono sembrare ad una prima lettura sconnessi tra di loro, ma in verità sono collegati.

Si, è vero che dei compagni hanno simbolicamente posto in essere iniziative particolari contro la sede della Cisl a Roma, ma è altrettanto vero che i media in particolare a supporto delle logiche repressive del governo lentamente attuano campagna di "tensione" in relazione alla manifestazione del 16 ottobre.
Ecco i giornalisti andare alla ricerca delle scritte sui muri "Marchionne e Bonanni...Sacconi di *****". E ancora: "il 16 ottobre 2010 tutti a Roma". Sono le scritte, accompagnate dal simbolo della falce e martello, trovate oggi sul muro della chiesa di via Riva a Ivrea, accanto alla sede Cisl canavesana.( http://www.repubblica.it/politica/2010/10/06/news/lancio_di_uova_fumoggeni_e_vernice_il_bersaglio_la_sede_nazionale_cisl-7780739/?ref=HRER2-1).
Ma credo che le cose vadano analizzate per quello che sono.

La crisi attuale in Italia è tragica. Gli ammortizzatori sociali giungono al termine, il lavoro quello stabile non esiste più.
Tagli, precarietà, flessibilità, mission da conseguire...,disperazione e rabbia.
La pentola è pronta per esplodere.
Ma il passato ha insegnato tanto.
Credo che ad oggi non esistano in questo paese le condizioni effettive per gestire una lotta dura di piazza. Ciò sia perchè la CGIL in primis ha di fatto addormentato con il suo modus operandi i lavoratori e conrollato i movimenti, sia perchè le divisioni tra le varie realtà politiche e sindacali di sinistra antagonista sono così profonde che nulla lascia intravedere ad una "dura"lotta di piazza.
In Spagna ci sono stati scontri sociali di una certa consistenza, la Grecia ha fatto scuola per molte questioni ma specialmente ha dimostrato come il paese è stato svenduto al capitalismo ed ai cinesi che iniziano a "comprare" il debito pubblico greco. Presto ciò succederà anche in Italia.

La tensione sembra essere indirizzata.

Vogliono crearla per dare il colpo di grazia al movimento che non c'è.

Vogliono dare il colpo di grazia al dissenso inasprendo la repressione e la politica autoritaria.
Quale miglior occasione del 16 ottobre 2010?

Dico ai compagni di stare attenti di non cadere nella trappola dei padroni.

Perchè è questo che vogliono, il casus belli per condurre pienamente questo paese nella sfera dell'autoritarismo mero.

Attenti a non cedere alle provocazioni.

Attenti a non fornire la "scusa" ai governanti.

Il 16 ottobre bisognerà vigilare. Si, vigilare sul possibile intervento degli infiltrati di stato o reazionari. Bisognerà vigilare perchè la manifestazione non cada nella trappola tesa nel corso di questi mesi dal sistema vigente.

Non siamo nelle condizioni di "condizionare" l'informazione. In Italia non esiste la libertà d'informazione. Chi ha orecchie per intendere spero abbia inteso.

Varie e strane situazioni si sono verificate. Forse il 16 ottobre non accadrà nulla, forse è ancora presto, ma le condizioni ci sono tutte.

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Giorno del ricordo a Gorizia e agibilità democratica: Revocata sala gestita dalla provincia a resistenza storica

Era stato promosso dal gruppo di Resistenza Storica e sinistra goriziana antifascista, un convegno per il 10 febbraio dal seguente titolo, da svolgersi in Gorizia, presso il palazzo provinciale Attems:11 ANNI DI "GIORNO DEL RICORDO" Tra mistificazioni storiche e rivalutazione del fascismo. Questi gli interventi previsti: Alessandra KERSEVAN: Il ruolo della X Mas al confine orientale; Claudia CERNIGOI: Il "fenomeno" delle foibe e gli scomparsi da Gorizia nel maggio 1945; Sandi VOLK: 10 anni di onorificenze della legge del Ricordo; Piero PURINI: Gli esodi prima e dopo il secondo conflitto mondiale; Marco BARONE: "Volemo tornar". L'irredentismo del terzo millennio; nota di inquadramento storico e coordinamento del dibattito a cura di Marco PUPPINI. Contestualmente a ciò, nella stessa giornata, nella stessa città, ma in luogo diverso, è previsto il convegno organizzato dalla Lega Nazionale di Gorizia, con l'alto patrocinio della Prefettura, Provincia…

Le conclusioni della Commissione d'inchiesta sul caso Moro

Nelle considerazioni conclusive della Commissione d'inchiesta sul Caso Moro emergono spunti di riflessione importante ed anche inquietanti che dovrebbero far tremare i pilastri della nostra Repubblica. Un lavoro durato alcuni anni, con diverse audizioni, accessi a documenti, verifiche, ispezioni, un lavoro enorme e giunto a termine.    La legge istitutiva della Commissione (Legge 30 maggio 2014, n. 82) ha assegnato come mandato all'inchiesta parlamentare quello di «accertare eventuali nuovi elementi che possono integrare le conoscenze acquisite dalle precedenti Commissioni parlamentari di inchiesta sulla strage di Via Fani, sul sequestro e sull'assassinio di Aldo Moro; eventuali responsabilità sui fatti di cui alla lettera a) riconducibili ad apparati, strutture e organizzazioni comunque denominati ovvero a persone a essi appartenenti o appartenute». E' stato sottolineato che è "dalla rilettura sistematica dei cinque processi e dell'attività delle precedenti…

Il pranzo sociale dell’ANPI di Ronchi ( foto) sotto il segno dell’antifascismo e dei ricordi

Riuscito e partecipato il pranzo sociale organizzato dall’ANPI di Ronchi presso l'accogliente agriturismo Mazzuchin di Vermegliano a pochi passi dalla suggestiva chiesetta di Santo Stefano e durato per buona parte del pomeriggio del 16 dicembre. Quasi un centinaio i partecipanti, dove sotto il segno della musica, partigiana e popolare, balli e ricordi, senza dimenticare l'immancabile lotteria curata con una passione unica dalla solita ed immancabile ed unica Angela, si è consumato un momento conviviale oramai tradizionale. Non sono mancati i momenti di confronto e di riflessione, con i messaggi e gli spunti offerti sia dal Presidente provinciale dell’ANPI di Gorizia, Pironi che dalla Presidente dell’ANPI di Ronchi, Cuzzi.

Il segretario Martinuzzi ha ricordato tutta l’attività svolta dall’ANPI di Ronchi, dai pellegrinaggi laici organizzati nei luoghi della resistenza in Slovenia, ai gemellaggi storici, agli incontri con le scuole, agli appuntamenti del 25 aprile e 2 giugno, a…