Passa ai contenuti principali

Fabrizio Palenzona e la ordinarietà italiana.


Osservando la puntata di Report del 17 ottobre 2010, ed in particolar modo la vicenda del super cattolico Palenzona attuale vice presindente di Unicredit Group, credevo che sulla stampa e non solo emergesse qualche critica sul sistema attuale di potere e nomine e politica sporca esistente in Italia.

Invece le attenzioni sono state dedicate ad altro.

Ma vorrei ricordare che qui stiamo parlando di Unicredit Group, uno dei maggiori gruppi bancari europei, dove la Lega Nord ha portato a casa gran vittoria sia con la nomina di uno dei suoi "simpatizzanti" in Unicredit Banca,che con la "cacciata" dell'A.D. Profumo.

Stiamo parlando di Unicredit Group che controlla buona parte del capitale italiano.

Invece le attenzioni cadono sulla nuova "Montecarlo" di Berlusconi o sul mistero della sua residenza.

Il Cavaliere del lavoro (nomina nel 2004) PALENZONA Fabrizio,è laureato in giurisprudenza. Quello che si legge sul sito www.cavalieridellavoro.it è che Palenzona "nel 1981 fonda e dirige, sino al 1995, l’impresa consortile Unitra c.a.r.l., primo e unico esempio di successo di consorzio di imprese di autotrasporto strutturate, qualificandosi quale vettore industriale tra i più significativi del paese. Nel 1987 diventa consigliere di Unitra Srl, società di autotrasporti e logistica. Dal 1994 è presidente e amministratore delegato della FAI Service s.c.a.r.l., la più importante impresa di servizio per le aziende di trasporto in Europa. Dal 1990 al 2006 è stato presidente nazionale della FAI-Federazione Autotrasportatori Italiani. Dal 2008 presidente della Fondazione SLALA, Porta Logistica del Sud Europa. Nel corso di questi anni ha partecipato e ha sottoscritto alcuni tra i principali accordi internazionali per i trasporti su strada tra l’Italia e alcuni paesi extracomunitari tra i quali ex URSS, Russia, Bielorussia, Iran e Turchia. Dall’ottobre 2003 è presidente dell’AISCAT-Associazione Italiana Società Concessionarie Autostrade e Trafori. È presidente dell’ASECAP, Association Européenne des Concessionaires d’Autoroutes et d’Ouvrages à Péage. È presidente di Aeroporti di Roma SpA. È vice presidente di UniCredito Italiano SpA dalla sua fondazione. È membro del Consiglio di Mediobanca SpA. È, inoltre, presidente di Aviva Italia SpA e di GWH SA, consigliere di ABI e Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, membro del Comiatato esecutivo della Giunta degli Industriali di Roma.
Presidente e Amministratore Delegato FAI Service s.c.a.r.l.
Presidente AISCAT SpA
Vice Presidente UniCredito Italiano SpA".
( fonte) http://www.cavalieridellavoro.it/cavaliere.php?numero_brevetto=2504

Sconvolti? Recuperato il fiato?

Report ha approfondito tale vicenda.

La vicenda di un camionista, che sembra che non abbia mai condotto un camion, la vicenda di una persona, come per sua stessa ammissione che di sistemi bancari non comprende nulla ma è vicepresidente di Unicredit Group e che si permette di fare anche del moralismo.

Il sig. Cavaliere del Lavoro, è stato premiato nel 2004 per qualche specifica attività intrapresa ( quale?), ma dovrebbe essere vincolato ad un impegno etico e sociale volto al miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro del paese.

Ha migliorato le condizioni di vita e di lavoro nel paese?
Le sue personali certamente.

Se non erro è notizia di questi giorni del disastroso piano di esubero in itinere in Unicredit.
Proporrei quanto meno la revoca di tale titolo.

Quanto meno per una questione etica e morale e di coerenza.

Conflitto d'interessi? Si verifica un conflitto di interessi quando viene affidata un'alta responsabilità decisionale ad un soggetto che abbia interessi personali o professionali in conflitto con l'imparzialità richiesta da tale responsabilità, che può venire meno visti i propri interessi in causa. ( da : http://it.wikipedia.org/wiki/Conflitto_di_interessi).
Le infinite cariche rivestite da questa persona possono essere espressione di conflitto d'interessi?

Dilemma!

Altro dilemma è dato dal fatto che tale persona è il simbolo, a mio parere, della intoccabilità del sistema del potere vigente.
Come si possono rivestire così tante cariche importanti e decisionali nel sistema capitalistico italiano?
Si va anche contro la propria volontà, alla fine forse si è solo delle pedine gestite da qualche burattinaio legato alla massoneria italiana ancora forte ed ancora determinante nel condizionare le svolte politiche e strategiche di questo paese.

Ma Palenzona ha ricevuto anche altro premio oltre alla nomina a Cavaliere di Lavoro.

Recita un comunicato di Medicina Democratica di Alessandria:
A Palenzona è stato, meritatamente, conferito il Premio Attila, premio previsto “ad imperitura memoria dei nostri figli peggiori” e conseguito prima di lui solo da Marcellino Gavio. Vai sul blog http://alessandriamd.blogspot.com/ per leggere le motivazioni e la biografia del nostro illustre concittadino. ( http://corriereal.wordpress.com/2010/07/29/premio-attila-a-fabrizio-palenzona/)

Voglio concludere questa mia espressione di forte indignazione con le parole stesse di Palenzona pronunciate in qualità di Presidente SLALA:
Purtroppo nel nostro Paese molti ci spiegano quello che bisognerebbe fare e pochi lo fanno.
http://www.labores.it/site/pdf_convegni07/7_maggio/PALENZONA%20-%20introduzione.pdf

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Dopo Macerata si continua a sparare. Guai a ridimensionare o normalizzare

Questa è una storia che non parte da lontano, per dovere di sintesi sarò breve e conciso. Da questa estate in Italia si è iniziato a scoprire il problema del fascismo. Fino a quel momento, soprattutto da chi oggi si professa dall'alto della suo essere grado istituzionale antifascista, era ignorato se non avvallato. Si è denunciato il rischio di fascismo passando dalle vicende ridicole della spiaggia fascista di Chioggia, agli adesivi di Anna Frank, alle bottiglie o calendari con la foto di Mussolini o Hitler. Quando per anni ed anni in questo Paese si è realizzata una vera connivenza con le peggiori istanze, legittimandole, democratizzandole e favorendone la diffusione. Perchè, si è detto, la democrazia vale per tutti, anche per chi sputa veleno sociale.
Il guaio è che è stato pompato all'ennesima potenza un problema che c'era ma non era così forte, impattante. La propaganda che doveva portare a vedere in alcune soggettività una sorta di salvezza messianica in materia di…

E' necessario il (prodotto) made in Friuli Venezia Giulia prima di essere annientati dalla "globalizzazione"

Il made in Italy è diventato uno slogan che non dice più niente. Diventato più funzionale a quella retorica che ha fatto il male dell'Italia che alla tutela dell'Italia. Dall'arte, alla cucina, dall'agricoltura, alla moda e si potrebbe continuare. Nell'Italia di oggi si rimpiange ciò che non è più italiano. Hanno distrutto le campagne, hanno distrutto le coltivazioni storiche, è stato mescolato tutto, per arrivare all'assurdità di cortocircuiti propri di una società totalmente sballata. La globalizzazione nell'economia ha comportato il saccheggio dell'Italia, l'appropriazione indebita di ciò che ha reso unico il nostro Paese nel mondo per perderci nella nullità dell'essere più niente e nessuno.

Siamo bravi a decantare od osannare bellezze e miti e leggende che attraversano la storia di ciò che è arrivato, nel bene o nel male a determinare l'Italia. Un Paese fittiziamente unito, che deve la sua vera forza ai regionalismi, localismi, che non so…

Si è entrati nel terzo anno della ricerca della verità per Giulio Regeni, con la politica persa nel silenzio di comodo

"Non è possibile normalizzare i rapporti con uno stato che tortura, uccide e nasconde oltraggiosamente la verità, se non a scapito della credibilità politica del nostro Paese e di chi lo rappresenta". Queste sono le parole della famiglia di Giulio.
Una tempesta sotto forma di parole. Parole dure, ma figlie di quella rabbia comprensibile di chi altro non ha potuto fare che constatare l'effettiva resa dell'Italia all'Egitto criminale, dove si continua a morire, a sparire, ad essere torturati, come è successo a Giulio.  Si dovrebbe dare un vero e proprio ultimatum all'Egitto, pretendendo quelle piccole cose, elementi fondamentali, per chiudere il cerchio. Ma l'Egitto ha preso in giro l'Italia e Giulio e la sua famiglia da sempre, depistaggi, menzogne, calunnie, infamie. La politica italiana si è persa in un silenzio di comodo, quel silenzio che ha caratterizzato, salvo qualche formula di rito, anche le massime Istituzioni. E questo silenzio fa male e …