Passa ai contenuti principali

Dopo il caso "Basovizza" a Trieste succede che...



Dopo il grave gesto simbolico di Basovizza, consistente nell'aver ammainato il Tricolore simbolo dell'unità Italiana  ed aver issato la bandiera separatista leghista, a Trieste succede che...

Il Ministro della Difesa La Russa, che aveva omaggiato i soldati di Salò «Farei un torto alla mia coscienza -esclama infatti La Russa, alla presenza tra gli altri del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano- se non ricordassi che altri militari in divisa, come quelli della Rsi, soggettivamente dal loro punto di vista combatterono credendo nella difesa della patria, opponendosi nei mesi successivi allo sbarco degli angloamericani e meritando quindi il rispetto, pur nella differenza di posizioni, di tutti coloro che guardano con obiettività alla storia d’Italia».
http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/politica/200809articoli/36302girata.asp“Tra i reparti schierati in 

che aveva anche ricordato con nostalgia i fascisti della Decima Mas  "questo piazzale c'è l'elite delle nostre forze armate, come il Comsubin della marina, erede della non dimenticata Decima Mas”
http://www.cpogramigna.org/?p=598
alla domanda  sul caso Basovizza risponde in questo modo:

Ma cosa ne pensa il ministro della bandiera leghista issata domenica mattina a Basovizza? «Ci sono specificità locali, culturali e anche gastronomiche - ha detto La Russa - che sono un tassello di un mosaico più ampio e più bello. Ci sono tante specificità ma è il mosaico a vincere e questo mosaico si chiama Italia».
http://messaggeroveneto.gelocal.it/dettaglio/il-sole-delle-alpi-al-posto-del-tricolore-il-ministro-la-russa-evita-le-polemiche/2611839


E pensar che sul sito del Ministero dedicato alla guerra, ops alla Difesa, spadroneggia una gran foto della bandiera Italiana, con richiamo all'Unità Italiana.


E pensar che il Ministro LaRussa pur di salvar il sederino sulla poltrona compromette quasi quasi il suo credo, la sua vocazione, la sua fedeltà alla Repubblica Italiana, alla Bandiera Italiana che tante volte ha difeso, ma probabilmente solo per ipocrisia istituzionale e fedeltà assoluta al potere!

«La Svizzera - ha spiegato La Russa - ha fatto molto bene a esprimere un'opinione che conferma che non bisogna mai discriminare ma nemmeno arrendersi ad un futuro, non dico multietnico che mi va bene, ma multiculturale. Da questo far discendere un cambiamento della bandiera... lo può fare solo chi non la ama: non è nemmeno una provocazione, è solo una battuta che può fare chi non capisce che le bandiere non sono bandierine che se ne possa sventolare una diversa ogni giorno"
http://www.corriere.it/politica/09_novembre_30/croce_bandiera_tricolore_la_russa_lega_ecd38aca-dd95-11de-a61b-00144f02aabc.shtml

Beh l'opportunismo politico viene prima di ogni cosa, si può sempre mutar opinione no?


Ma intanto succede anche che la Lega Nord di Trieste smentisce un suo eventuale coinvolgimento nell'iniziativa di Basovizza e come risposta alla fedeltà allo Stato Italiano ed alla Costituzione Italiana ha come dire portato a casa una delibera Comunale a dir poco discriminatoria, razzista(?)...


Il comunicato della Lega Nord si commenta da solo...

"Considero un irresponsabile senza cervello colui che ha rimosso la bandiera italiana a Basovizza. L’obiettivo era evidentemente quello di creare danni all’immagine di un partito in forte crescita a Trieste. Ciò potrebbe significare che l’autore del gesto non sia proprio un simpatizzante della Lega triestina. Detto questo, ritengo non si possa continuare a fare campagna elettorale solo con il tricolore e l’inno nazionale. Che senso ha farlo e contemporaneamente penalizzare la nostra gente favorendo politiche a tutela degli stranieri. Solo la Lega continua a battersi quotidianamente per tutelare la nostra gente. Ecco il motivo dell’iniziativa “benvenuti triestini” appena licenziata dalla Giunta,  a seguito degli emendamenti al bilancio 2010 del nostro partito (135.000 EURO). Per usufruire del beneficio, almeno uno dei genitori, al momento della nascita del/la bambino/a, deve essere residente in Italia da non meno di dieci anni, di cui almeno tre nel Comune di Trieste. L’importo erogato sarà pari a 110 euro a nuovo nato e dovrà essere speso presso le due farmacie comunali, Al Cedro, in Piazza Oberdan 2/b e Il Cammello in viale XX Settembre 4. Ovviamente per l’acquisto di beni di consumo per neonati. Le famiglie, dopo la spesa, dovranno conservare gli scontrini e presentare al Comune, entro il 30 Aprile 2011, una domanda su uno stampato da ritirare in via Mazzini 25, Area Protezione e Promozione sociale. I dati attuali certificano al 30 settembre 2010 un numero di 874 nuovi nati aventi diritto, stimati al 31.12 a circa 1200. Queste famiglie, grazie alla Lega, riceveranno dal Comune di Trieste, oltre al bonus regionale, 110 euro per ogni nuovo o nuova nata nel 2010. E’ evidente che il nostro programma si basa e si baserà sempre sulla precedenza alla nostra gente rispetto agli ultimi arrivati".
 Maurizio Ferrara- Capogruppo Lega Nord Consiglio comunale
http://www.leganordtrieste.it/index.php?option=com_content&view=article&id=462:liniziativa-qbenvenuti-triestiniq&catid=36:direttivo
 

Marco Barone

Commenti

Post popolari in questo blog

Clara Petacci è stata violentata ?

Chi è Clara Petacci? Chi sono i Partigiani? Domande legittime, anzi doverose perchè le nuove generazioni non conoscono la storia, e quando leggi che per molti studenti tedeschi Hitler altro non era che un democratico, allora comprendi che quando si parla di tematiche calde e delicate che hanno segnato la storia del secolo scorso, non si deve mai dare nulla per scontato. Nella serata del 6 luglio 2012 Rai tre,conosciuto come canale di sinistra, oggi io direi sinistra sinistrata, ha trasmesso un programma storico interessante che riguardava la Marcia su Roma, la morte ed i misteri di Mussolini. Il programma era la Grande Storia. Ha voluto conferire una diversa visione della verità storica ufficiale conferendo grande credito a teorie sostenute specialmente dai nostalgici del fascismo. Certo la storia o meglio la verità storica per essere tale non dovrebbe essere politicizzata, ma ciò è a dir poco impossibile visto il funzionamento della società. Ieri sera mi son voluto mettere nei panni di un …

Minoranza linguistica slovena, in Italia si guarda al modello danese?

Se c'è una cosa che andrà ricordata quasi come si ricordava l'Ave Maria è che se il FVG può vantare la sua specialità, il suo essere Regione a Statuto speciale è prevalentemente se non esclusivamente per il suo plurilinguismo. Oramai, è ahimè una constatazione di fatto, la lingua tedesca è parlata in pochissimi casi e realtà, si è fatto poco o nulla per difenderla ed incentivarla, resistono invece lo sloveno ed il friulano, nonostante siano tante le mancanze a partire dal bilinguismo visivo soprattutto violato nei confronti degli sloveni. Su 216 Comuni  in FVG la minoranza linguistica friulana è presente in 175 comuni, quella slovena in 32 e quella germanica in 5, cioè la quasi totalità dei Comuni ha una "minoranza linguistica". E visto che la minoranza germanica è a rischio di estinzione, l'attenzione deve essere alta.

E' un dato di fatto che in Italia vi è un deficit di democrazia importante, basta guardare le elezioni di marzo 2018, pochi mesi di campagna…

Altro che la storiella degli "immigrati"che portano via il lavoro, chiude Eaton a Monfalcone

L'Isontino e la Bisiacaria sono un territorio politicamente debole, economicamente depresso. Vi è un tasso di disoccupazione impressionante, il numero di chi non cerca più lavoro è in costante crescita rispetto ad una popolazione che continua a diminuire. Perdere un posto di lavoro nell'Isontino è un gran guaio, perderne un centinaio, ancora, è un disastro sociale enorme, immane, perchè il lavoro qui non c'è, nonostante qualcuno racconti storielle diverse e presenti tanti segni più che in Italia ed in FVG non rappresentano la realtà delle cose. La realtà ci dice che il lavoro è una emergenza e che quando un territorio è politicamente inconsistente i grandi colossi avranno autostrade spianate per procedere con le delocalizzazioni e chiusure dei propri siti. Si legge che Eaton avrebbe complessivamente nel mondo un fatturato, nel 2013, di ben 22 miliardi di dollari, e sul loro sito evidenziano che è stata nominata come una delle aziende più etiche del mondo dalla rivistaE…