Passa ai contenuti principali

A Chi l'ha visto... chi l'ha vista la dignità?

Una tragedia umana è stata vissuta in diretta.

Federica Sciarelli conduttrice di chi l'ha visto, che tante inchieste ha condotto in modo positivo e condivisibile, nella puntata del 6 ottobre 2010 in merito alla vicenda di Sarah Scazzi è andata oltre la pubblica decenza, pubblico pudore, pubblico decoro.

Tutto succede in pochi attimi. Si parla del caso della povera Sarah . Sono collegati dalla casa della cugina. L'agenzia di stampa in tarda serata "batte" la notizia che sarebbe stato trovato il corpo di Sarah dopo l'interrogatorio dello zio della ragazza. Poi la smentita. Poi i dubbi. Poi la strada sembra essere univoca.

Sarah è morta.

Tutti in attesa di avere la notizia.

La notizia deve essere la morte della ragazza!

Le telecamere che inquadrano la mamma di Sarah.

Impietrita. Pallida. Ferma. Ora trema.

"Portate un bicchiere d'acqua alla mamma di Sarah" si sente dire durante il collegamento tv.

Lei ancora impietrita. Pallida. Ferma . Ora trema.

Le telecamere continuano ad inquadrarla.

L'avvocato di famiglia presente in quella casa non riesce a gestire la situazione.

La Sciarelli che tante inchieste ha svolto in modo ripeto condivisibile, nella puntata del 6 ottobre si è fatta trascinare dall'evento della notizia.

Audience. Pubblico. Visibilità. Concorrenza.

Una mamma che in diretta televisiva viene a conoscenza che probabilmente non rivedrà più viva la propria figlia, il pubblico televisivo che osserva.

Già, la televisione.

Spettacolarizzazione della tragedia umana.

Spettacolarizzazione del dolore umano.

Poi finalmente un legggero colpo di senno sembra interessare chi conduce quella trasmissione. Il collegamento viene interrotto.

Ma è tardi.

Tardi.

L'avvocato doveva intervenire, doveva difendere la dignità di Sarah e di sua mamma.

Non è stato fatto.

Doveva farlo la conduttrice.

Non è stato fatto.

Il dramma in diretta tv.

Che disgusto.

Mi chiedo anche ma la fuga di notizie? Sembrava quasi di essere a pochi centimetri dalla stanza dell'interrogatorio. E' mai possibile tutto ciò?

Ogni limite di decenza è stato superato.

Sarah è morta.

Ma in questa triste sera è stata uccisa anche la dignità del dolore di una mamma che

ha perso la propria figlia.

Vergognatevi tutti.

Marco Barone

M&G

Commenti

Post popolari in questo blog

Un maledetto 17 agosto a Barcellona

Ci sono cose nella vita che non dimenticherai mai e quanto accaduto in un caldo ed apparentemente tranquillo agosto a Barcellona è una di quelle cose che non metabolizzerai per lungo tempo. Hai la fortuna di poterlo in parte raccontare, anche se non sai bene cosa raccontare. Sei a pochi metri dalla interminabile e costante folla della Rambla. Vedi decine e decine di persone a passo spedito venire contro la tua direzione. In un primo momento pensi che vai sempre controcorrente. Poi arriva la polizia, di corsa, chiude la via nella quale ti trovi, una laterale della Rambla. Una delle tante. Non riesci al momento a collegare. Anche se sai che nel mondo la situazione è tesa. Ma sei a Barcellona, pensi. Un luogo sicuro.
Poi l’inevitabile ti si presenta come un cazzotto devastante nello stomaco. Attentato. Terrorismo. Panico totale. Cerchi le persone a te più care, fino a quando non le trovi e non le rintracci non sei "tranquillo".
Cerchi di capire come comportarti. Cosa fare. Cosa…

La nuova strage di migranti nel Mediterraneo era prevedibile e forse anche voluta nel nazismo del terzo millennio

Lo si sapeva. Lo si sapeva che in tarda primavera sarebbero ripresi gli sbarchi dalla Libia. Con i soliti schemi, metodi. Tutto era prevedibile, conoscibile. E qui la chiusura criminale della rotta balcanica non c'entra nulla. Viviamo in una società dove il più grande crimine di guerra mai compiuto e mai punito, quale il lancio delle bombe atomiche sul Giappone, viene quasi giustificato. Senza quelle bombe non sarebbe finita la seconda guerra mondiale, si dice. E per questo non si deve chiedere scusa. Sono certo che se quelle bombe le avesse lanciate la Russia, oggi si racconterebbe una storia diversa. Ma il mondo funziona così. L'Europa, costituita da Paesi ricchi, si chiude per non essere contaminata dalle razze inferiori. Sì, parlo di razze, si parlo di inferiori. Perché? Perché il fantomatico sentimento razzista di paura, trova in realtà il proprio fondamento in quel concetto di superiorità della razza pura del terzo millennio, che non deve essere intaccata dai poveracci …

Barcellona, il giorno dopo il 17 agosto